BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cloud computing: problemi e vantaggi giuridico legali

I rischi legali per chi usa le nuove soluzioni cloud



Problemi legali e giuridici per le aziende che sfruttano le piattaforme di condivisione online per dati e documenti, esposte ad un rischio di contenzioso maggiore rispetto a chi gestisce lo stesso materiale sui server che si trovano fisicamente all'interno della società.

Il cloud computing, insieme dei software che sfruttano Internet per la gestione di informazioni e processi, sembra portare qualche problema legale e giuridico alle aziende che ne usufruiscono. Se è vero che queste soluzioni portano vantaggi economici e pratici è vero anche che ci sono da considerare i rischi di violare le condizioni d'uso o la normativa sulla privacy dei documenti in oggetto.

Si tratta di un nuovo tema legale che dagli Stati Uniti sta arrivando in Europa, grazie alla diffusione di questi nuovi strumenti. Durante una ricerca condotta lo scorso anno scorso all’università Queen Mary di Londra per studiare l'interazione tra l'uso della nuvola e le normative di proprietà intellettuale, sono state studiate tutte le clausole dei contratti offerti dai diversi provider ed è risultato che, secondo alcune stime, il 2% dei contratti firmati è a rischio contenzioso.

Importante da considerare è la responsabilità dell'utente finale rispetto all'uso del software. Il problema deriverebbe dal fatto che essendo le soluzioni di cloud computing nuove, le aziende userebbero uno strumento che non conoscono, rischiando di cadere su dettagli tecnici e finire in tribunale, anche se avere i dati custoditi su server esterno facilita il processo di e-discovery durante una causa perché permette di rintracciare più facilmente e velocemente email e documenti. E questo è decisamente un aspetto positivo delle nuove soluzioni cloud.

Altro problema è quello dell'utenza multipla: i provider custodiscono dati di società e enti pubblici diversi e spesso in diretta concorrenza, creando un indiretto conflitto di interesse. I dati vengono conservati in luoghi geografici differenti apportando conseguenze sulla normativa che deve essere applicata in caso di contenzioso. Lo strumento per minimizzare questi rischi è la pianificazione di due diligence sul provider di servizi da utilizzare, tale da garantire la protezione dei dati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il