BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzo giusto di una casa quando si compra: standard e parametri per legge in arrivo

Nuovi standard in arrivo per una corretta valutazione di casa. Cosa cambia



Per chi si chiede come fare a sapere quanto è effettivamente valutato l’immobile che si vuole acquistare e se il costo è realmente ciò che la casa vale, sono in arrivo grandi novità. In Italia, contrariamente da quanto accade in Francia, non ci sono i notai che certificano i prezzi dei rogiti, ma la valutazione delle case è eseguita dai periti delle agenzie immobiliari attraverso vari parametri di riferimento e si riferiscono ai compromessi.

Ora la valutazione degli immobili, con gli ultimi sviluppi normativi, non considererà più le perizie basate sull'attribuzione di un valore al metro quadrato. I  fase di elaborazione è, infatti, il Codice delle valutazioni immobiliari dell'Abi che dovrebbe imprimere un'ulteriore accelerazione all'applicazione degli standard di valutazione internazionali, riprendendo i princìpi contenuti nel Codice delle valutazioni immobiliari di Tecnoborsa.

Valutare con uno standard significa rendere il processo di valutazione trasparente, “Significa sostituire le valutazioni fondate solo su giudizi soggettivi con procedimenti quantitativi basati sulle rilevazioni dei dati reali”, ha chiarito Giampiero Bambagioni, vicepresidente di Tecnoborsa.

Il Codice Abi segnala la crescente attenzione del mondo bancario nella valutazione degli immobili posti a copertura delle esposizioni creditizie, anche in relazione alle istruzioni di vigilanza dettate dalla Banca d'Italia alla fine del 2006. L'adesione dei singoli istituti al nuovo testo, però, sarà volontaria.

In attesa dell’entrata in vigore delle nuove normative, il modo di condurre le perizie sta già cambiando e una delle novità è rappresentata, per esempio, dal metodo del confronto di mercato, il più usato per il residenziale. Qui gli standard impongono di individuare il prezzo di vendita di uno o più immobili simili a quello da valutare e di ragionare per differenza.

Così, se bisogna valutare una casa al quinto piano e si conosce il prezzo al quale sei mesi prima è stato venduto l'alloggio al piano sottostante, la procedura vedrà il perito impegnato nella correzione del prezzo di vendita del ‘comparabile’ (che sarebbe l'immobile simile), considerando anche l'evoluzione del mercato negli ultimi sei mesi e della differenza di valore legata al piano.

Analizzando le caratteristiche dell'edificio da valutare e di due comparabili, il perito arriverà a stabilire il valore di mercato. Tutto dipende dalla scelta del dato da cui partire e dall’adattamento al caso specifico, attraverso la valutazione degli standard.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il