BusinessOnline - Il portale per i decision maker








News a pagamento online: abbonati del Times sono un successo o no?

Cosa accade nel mondo dei giornali online a pagamento. GLi ultimi dati



Con l’introduzione del PayWall per l’accesso alla testa del  Times Online, Rupert Murdoch ha decretato la fine del tutto gratis e il Times Online prima ha perso il 90% dei lettori ma poi si è riattestato sui 205 mila lettori a pagamento. L’entusiasmo con cui Murdoch ha dato il via al nuovo modello di business viene smorzato da nuovi dati che sostengono che metà dei lettori a pagamento non sono altro che i 100 mila lettori che già acquistano la copia cartacea.

I 105 mila paganti non sono solo gli utenti del PayWall, ma anche quelli che comprano le Web apps a pagamento del giornale su iPad o Android. Nonostante, dunque, non si tratti di dati esaltanti, dimostrano che c’è comunque una platea di utenti pronti a pagare, anche se per il momento si tratta di un bacino troppo modesto per mantenere un giornale.

I 105 mila lettori paganti del Timeso Online si dividono tra due offerte: la prima prevede il pagamento di una sterlina per consultare il quotidiano per un giorno, mentre la seconda offre il giornale sul web e in versione iPad, più altri vantaggi per l'accesso in mobilità, a chi pagare due sterline la settimana, dopo un mese di prova a una sterlina.

In termini di pagine viste, il Times ha perso poco meno del 90% ed è passato da 21 milioni a 2,7 milioni, come registra Felix Salmon, stimato blogger della Reuters., e in termini di visitatori unici, secondo la Nielsen, il Times ha perso il 42%, arrivando a 1,78 milioni.

Nel frattempo, le vendite della versione cartacea del giornale sono diminuite del 15% rispetto all'anno scorso. Sempre secondo gli ultimi dati resi noti, ad oggi solo il Wall Street Journal e il Financial Times sono riusciti a trarre vantaggio dall'offerta a pagamento del giornale sul web, mentre altri, come il New York Times e il Sole 24 Ore, guardano a nuovi modelli che permettono la lettura gratuita di un numero limitato di articoli al mese, per poi chiedere un pagamento a chi superi quel limite. Il tutto per cercare di fidelizzare i propri lettori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il