BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutuo a tasso fisso a rate fissa al 3,99%: offerte banche a confronto

Nuove offerte per chi deve accendere un mutuo. Quali sono



Il dilemma per la scelta di un mutuo da accendere al momento dell’acquisto di una casa è sempre forte, soprattutto in questo momento di crisi in cui l’economia registra andamenti altalenanti.

Così, per andare incontro a chi desidera comprare una nuova casa, nascono offerte da particolari banche destinate a sostenere il mutuatario in eventuale scelta e, chissà, anche ad orientarlo verso la propria.

Le novità partono da un tasso fisso fino a trent’anni al 3,99%, pensato da Bnl per i clienti che stipuleranno un nuovo mutuo o surrogheranno un vecchio finanziamento entro il 30 novembre.

Si tratta di un’offerta interessante perché consente di ottenere un prestito a un tasso di almeno mezzo punto inferiore rispetto agli standard di mercato e di abbassare in maniera sostanziale il divario con i prodotti indicizzati.

Alessandro D'Agata, responsabile mercato retail di Bnl, gruppo guidato da Fabio Gallia: “Abbiamo lanciato questa promozione perché da sempre la nostra politica dei mutui punta sul fisso o comunque su quelle forme di finanziamento che consentono una sicura pianificazione dei rimborsi da parte delle famiglie.

In una fase in cui l'Eurirs è sceso sotto al 3% abbiamo fatto una provvista di fondi che ci consente di proporre questo tipo di prodotto, con il quale contiamo di guadagnare nuova clientela per tutti i nostri servizi bancari.

Condizione per la stipula del mutuo è quella di avviare anche un rapporto di conto corrente”. Per sottoscrivere il prestito bisogna mettere in conto lo 0,85% per costo di istruttoria (quindi 850 euro per un mutuo da 100 mila) e 250 euro per la perizia, se il prestito non supera i 250 mila euro, per cifre più alte i costi salgono fino a 800 euro.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il