Piano politiche per le famiglie: agevolazioni e deduzioni presentate oggi da Giovanardi

Il nuovo piano per la famiglia di Giovanardi. Le misure previste



Un insieme di politiche sociali più eque con le famiglie, all'interno di un progetto finalmente organico per valorizzare le colonne portanti della società: questo il contenuto del documento preparatorio al Piano nazionale sulla famiglia elaborato dall'Osservatorio nazionale sulla famiglia, presentato oggi alla Conferenza nazionale della famiglia di Milano, organizzata dal sottosegretario Carlo Giovanardi.

Le priorità riguardano una riforma fiscale family friendly, il bilanciamento vita-lavoro in favore dell'inserimento femminile nel mercato del lavoro e la sfida educativa. Il piano promuove la realizzazione di reti territoriali che si assumano la responsabilità di creare una società family friendly, con interventi e iniziative mirate alle esigenze e alle potenzialità dei territori, a servizi e agevolazioni rispondenti alle esigenze familiari e la creazione di una agenzia nazionale o regionale con funzioni di formazione e counselling.

Le altre novità previste saranno per le politiche di pari opportunità stabili e continuative; e la priorità di una riforma fiscale a misura di famiglia che richieda l'adozione di una pluralità di misure in tre fasi progressive a brevissimo, breve e medio termine.

La prima prevede l'aumento degli assegni familiari e delle detrazioni fiscali in tre punti, a partire dall'eliminazione degli scalini di reddito che determinano le riduzioni dell'assegno e un piccolo aumento della retribuzione, per arrivare all'estensione per le famiglie con almeno tre figli dell'assegno anche per i figli i maggiorenni fino a 21 anni se studenti o apprendisti, al cambiamento delle aliquote Irpef.

La misura, che punta alla costituzione di un assegno unico, prevede anche la stabilizzazione della detrazione per la frequenza al nido e il suo aumento per ogni figlio portatore di handicap. In due-tre anni si suggerisce di adottare un sistema di deduzioni familiari corrette, che preveda l'introduzione di una deduzione sull'imponibile per un importo tra i 4 e i 6mila euro per ogni figlio a carico.

Nel pacchetto verrà, inoltre, previsto un potenziamento del fondo nazionale e dei fondi regionali per il piano strategico per gli asili nido, a favore di iniziative in favore del bilanciamento vita-lavoro, a sostegno alle adozioni internazionali, alla riorganizzazione dei consultori familiari, al finanziamento dell'Osservatorio nazionale sulla famiglia e al welfare familiare aziendale.

Novità anche per quanto riguarda le famiglie immigrate con regolare permesso di soggiorno che saranno tra i beneficiari degli interventi. Inoltre, in favore della loro inclusione sociale, previsti l'adozione di misure residenziali specifiche come l'individuazione di abitazioni di proprietà comunale da destinare temporaneamente alle famiglie immigrate con bambini a carico; l'istituzione di centri per le famiglie immigrate in collegamento con le realtà associative delle famiglie italiane; e attivazione di spazi consultoriali ali all'interno degli enti istituzionali.

Altra novità introdotta sarà un nuovo strumento di valutazione di impatto familiare che dovrà verificare le ricadute dei provvedimenti nazionali e locali e valutarne i risultati in termini qualitativi e quantitativi. Sarà, inoltre, introdotto un nuovo modello di voucher unico (complessivo e personalizzato), valido sia per l'accesso a servizi di cura per l'infanzia sia per i membri della famiglia non autosufficienti, oltre che per l'acquisto di prestazioni accessorie utili nella quotidianità, come la consegna di pasti a domicilio, lavanderia, accompagnamento per trasporti urbani.

Il voucher familiare così inteso prevederebbe la creazione di un mercato di qualità sociale dei servizi in cui gli erogatori siano gestiti e controllati da un organismo intermediario, cioè da un ente pubblico o privato costituito da un soggetto della società civile accreditato e con funzioni di sostegno alla famiglia nella elaborazione del piano di servizio.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il