BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Finanziaria 2011: detrazioni, incentivi, bonus 55% ecoincentivi

Le novità della Finanziaria 2011



Nuovi accertamenti fiscali, nuove proroghe per tutto il 2011 per gli ammortizzatori sociali, via libera all'assegnazione dei diritti d'uso delle frequenze radioelettriche, riduzione dei tagli alle università, nel 2011, infatti, il fondo di funzionamento riceverà un assegno di 800 milioni, che dovranno servire anche per il piano di promozione ad associato dei ricercatori.

Prorogato al 2011, il regime di detassazione dei contratti di produttività, novità anche per il patto di stabilità di enti locali, regioni e province autonome di Trento e Bolzano, e il governo lavora anche alla possibilità di reinserire la proroga del bonus del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici, rimasto fuori dal testo del maxiemendamento.

Le novità previste dalla Finanziaria 2011 partono dagli ammortizzatori sociali, che saranno rifinanziati anche per il 2011, sulla base di specifici accordi governativi e per periodi non superiori a 12 mesi. Via libera, sempre nel 2011, anche all'erogazione da parte dell'Inps di un incentivo per i datori di lavoro che assumono lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga o licenziati a causa della crisi.

Proroga per il 2011del finanziamento statale (fino a 100 milioni) per le attività di formazione nell'esercizio dell'apprendistato. Stanziato anche 100 milioni, per il 2011, per la concessione dei prestiti d'onore e l'erogazione delle borse di studio. Per quanto riguarda le Università, arrivano 800 milioni in più, nel 2011, per incrementare il fondo di funzionamento degli atenei, che passa da 6,1 miliardi a 6,9. Per il 2012 e 2013, l'incremento sarà di 500 milioni.

Entro il 31 gennaio di ogni anno, e per gli anni 2011-2016, arriverà un decreto interministeriale (Istruzione - Economia) per l'approvazione di un piano straordinario per la promozione ad associato dei ricercatori. Arriva anche un credito d'imposta, nel limite di spesa di 100 milioni, per imprese che affidano attività di ricerca e sviluppo a università o enti pubblici di ricerca.

Il credito vale per investimenti realizzati dal primo gennaio 2011, fino al 31 dicembre 2011, in misura percentuale che verrà stabilita da uno specifico decreto ministeriale. Il credito d'imposta dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi, ma non occorre alla formazione del reddito e non concorre alla formazione della base imponibile Irap.

Previste detrazioni fiscali per il 2011 per carichi di famiglia in favore dei soggetti non residenti. Viene anche stabilito che il beneficio non rileva ai fini della determinazione dell'acconto d'imposta sul reddito delle persone fisiche da versare per l'anno 2011.

Prevista la detassazione premi di produttività, prorogata al 2011, in base al quale il lavoratore dipendente può optare per l'applicazione di un'imposta sostitutiva (10%) invece dell'Irpef e relative addizionali, sui redditi percepiti in relazione a incrementi di produttività e lavoro straordinario.

L'agevolazione per il periodo primo gennaio 2011-31 dicembre 2011 prevede già anche uno sgravio dei contributi dovuti dal lavoratore e dal datore di lavoro nei limiti delle risorse disponibili. La proroga 2011 si applica ai soggetti che hanno realizzato nel 2010 un reddito di lavoro dipendente non superiore a 40mila euro e comunque su un ammontare non superiore a 6mila euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il