BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2011: nuove regole, età e finestre

Novità pensioni 2011: cosa cambia



Cambia il sistema pensionistico italiano: se ne discute da mesi, fra polemiche e critiche, ma le novità scatteranno a partire dal prossimo 2010. La novità più importante è dal prossimo anno i lavoratori dipendenti andranno in pensione anticipata rispetto all'età di vecchiaia con quota 96 ma con almeno 60 anni di età (fino a fine 2010 basta quota 95 con almeno 59 anni).

Ciò significa che per andare in pensione bisognerà avere 60 anni di età e 36 di contributi o anche 61 e 35. Una volta raggiunti i requisiti per avere l'assegno, bisognerà poi aspettare ancora 12 mesi previsti dalla ‘finestra mobile’, introdotta con la manovra di luglio arrivando quindi almeno a 61 anni.

I lavoratori autonomi andranno in pensione di anzianità una volta raggiunta quota 97 e almeno 61 anni di età, cui si aggiungeranno18 mesi previsti dalla finestra mobile. Tradotto praticamente, significa che per gli autonomi andranno in pensione a 62 anni e mezzo.

Le nuove regole 2010 cancellano la pensione di anzianità per le lavoratrici del settore privato che potranno lasciare il lavoro dopo i 60 anni, età già prevista per la pensione di vecchiaia. Diverso il discorso per le donne del pubblico impiego che avranno dal 2011 un requisito anagrafico per la vecchiaia di 61 anni (che diventano 65 dal 2012).

Per loro sarà ancora possibile l'uscita anticipata per anzianità con 60 anni di età e 36 di contributi. Ad entrambe le categorie comunque si applica la finestra mobile e quindi un anno di attesa una volta raggiunti i requisiti anagrafici e contributivi. Si potrà, comunque, andare in pensione di anzianià, indipendentemente dall'età con almeno 40 anni di contributi, cui andranno comunque aggiunti i 12 mesi di attesa della finestra mobile.

Le norme sull'uscita mobile non riguardano i lavoratori che maturano i requisiti entro dicembre 2010: essi potranno andare in pensione anche l'anno prossimo con le precedenti finestre (gennaio e luglio).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il