BusinessOnline - Il portale per i decision maker








I migliori vini al mondo 2010-2011: 9 sono italiani

Nove vini italiani nella classifica dei migliori nel mondo. Quali sono



Italiani popolo di santi, navigatori e poeti, si, ma anche amanti della buona tavola. Uno degli ‘ingredienti’ che col tempo è diventato fondamentale e che deve essere di qualità sulle tavole degli italiani è il vino, e si moltiplicano in Italia eventi e manifestazioni che esaltano le sue buone qualità, le sue doti e ciò che di più pregiato vanta.

Proprio per l’importanza che via via ha assunto, è stata stilata una classifica annuale dalla rivista Wine Spectator, che dà punteggi ai vini in centesimi. Sono nove i vini italiani, di cui ben sette, come immaginabile, toscani, a rappresentare la nostra penisola nelmondo.

Oltre al Flaccianello 2007 di Fontodi (8), unico nei primi 10, ci sono il Modus 2007 di Ruffino (25), il Brunello di Montalcino Terralsole 2004 (31), l’Amarone della Valpolicella Classico 2006 di Zenato (36), il Chianti Classico Riserva 2007 di Viticcio (40) e il Chianti Classico 2007 Castello d’Albola (47), il Pinot Grigio 2008 di Attems (51), il Chianti Rufina Castello di Nipozzano Riserva 2007 di Frescobaldi (65), e il Nobile di Montepulciano 2007 di Avignonesi.

Dal 1999 al 2008 il valore dell’export del vino italiano è passato da 2,4 a 3,6 miliardi di euro, segnando un incremento da record pari al 50%. Ma per avviare una valida politica estera bisogna avere risorse finanziare e una produzione adeguata, prerogative non molto diffuse tra piccole e medie aziende del comparto enologico.

Per questo il mondo delle cooperative vinicole continua ad essere molto affollato. Se rivolgersi all’estero è la soluzione per rilanciare fatturati e diffusione, non si può rinunciare al mercato interno, anche se in flessione. Nel 2010, infatti, in Italia il consumo di vino è sceso sotto la soglia dei 20 milioni di ettolitri con un consumo pro-capite che si attesta per la prima volta sotto la soglia dei 40 litri. Per questo motivo oggi esportare il vino italiano è diventata una necessità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il