BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rimborso iva per auto comperata senza riduzioni

Ottenere rimborso Iva su un'auto acquistata senza senza riduzioni. Il caso di un professionista



Previste rimborso forfetario dell'Iva pagata per un professionista che acquista un’auto senza la riduzione del 10% voluta dal Fisco. E’ quanto previsto dalla nuova sentenza della Ctp Milano.

La vicenda ha preso il via nel 2003 quando il contribuente non detraeva circa mille euro dell'Iva del veicolo. Ai professionisti era allora precluso il recupero del l'imposta. Secondo la norma europea, il contribuente può detrarre dall'imposta a debito quella pagata ad altri soggettivi Iva per i beni e servizi impiegati nella propria attività.

Eventuali limiti alla detrazione possono essere stabiliti esclusivamente dalla normativa europea, invece che da quella nazionale. Il 14 settembre 2006 la Corte di giustizia Ue ha dichiarato incompatibile la normativa italiana con quella comunitaria. Il 15 settembre 2006 il governo ha eliminato tale contrasto e professionisti e imprese hanno avuto così la possibilità di richiedere il rimborso dell'Iva su acquisti effettuati nell'esercizio delle loro attività.

Ne sono poi state definite le modalità specifiche. Due le possibilità: un rimborso pieno e uno forfettario. Nel primo caso il contribuente, se in possesso dei requisiti richiesti, poteva richiedere il rimborso del 100% dell'Iva rimasta indetraibile. Nel secondo caso, senza particolari requisiti, il rimborso era limitato forfettariamente al 40%.

Nel caso esaminato, il 19 marzo 2007 il professionista ha presentato telematicamente la domanda, optando per il rimborso forfettario, ma richiesta è rimasta inevasa, arrivando al silenzio rifiuto.Per il contribuente decise di ricorrere in Ctp. L'erario contestava al professionista l'omessa compilazione del Rigo AR42 del modello: secondo il fisco il contribuente non aveva, infatti, espresso la volontà di rinunciare al 10% dell'Iva rimborsabile.

Il contribuente presentò ricorso, accolto dalla Ctp, che ha così stabilito che al contribuente spetta il rimborso dell'Iva nella misura del 40% invece che del 30%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il