BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfr o Fondi pensione 2010-2011: quale scelta migliore?

Meglio optare per il Tfr o per il fondo pensione? La scelta



Meglio lasciare il Tfr in azienda o spostarlo su un fondo pensione: è la domanda più importante che i lavoratori si pongono, fra dubbi e incertezze. Per rispondere ai dubbi della previdenza complementare si può partire dai rendimenti.

Secondo le elaborazioni della Covip, l'organismo di controllo dei fondi pensione in Italia, i fondi negoziali si sono rivalutati mediamente del 2,6%, superando il dato medio dei fondi aperti (2,2%) e dei Pip strutturati in unit linked (1,3%) e hanno battuto anche il Tfr (1,8%).

Ma quando si parla di rendimenti in tema di previdenza molto dipende molto da che punto di osservazione ci si pone. Se, per esempio, si prende in esame un periodo di riferimento più lungo, sarebbe meglio preferire il Tfr: a cinque anni, infatti, il rendimento medio dei fondi pensione si attesta al 2,33% annuo contro il 2,52% del Tfr.

Nel calcolo bisogna, inoltre, considerare i contributi aggiuntivi, che i lavoratori possono versare nel fondo e che innescano i contributi a carico del datore di lavoro. Ciò significa che se il lavoratore decide di giocarsi il bonus di un'ulteriore contribuzione, il datore di lavoro è obbligato a versare un contributo aggiuntivo.

Chi ha scelto di lasciare il Tfr in azienda si è comunque garantito una rivalutazione sicura, anche se modesta, ma i fondi negoziali, che si evolvono sempre più sul mercato, dimostrano che chi può permettersi di versare qualcosa in più del Tfr, al lungo termine, otterrà maggiori rendimenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il