BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Commenti turisti su città, monumenti e alberghi: Milano li registra tutti

Nuovo servizio per migliorare i servizi della propria città. L'iniziativa parte da Milano



Registrare opinioni, giudizi e commenti dei turisti nelle proprie città per migliorarne servizi e offerte. Proprio per rispondere a queste nuove esigenze è nasce il progetto del Politecnico di Milano, guidato Chiara Francalanci, professore associato di Sistemi informativi, con il supporto di competenze di web marketing e social media della società CommStrategy.

Si tratta di un nuovo servizio che monitora Twitter, Tripadvisor e LonelyPlanet a caccia di commenti riguardanti (per adesso) Milano, per ora limitati alla lingua inglese. Il progetto, il cui nome provvisorio è Sentimeter, è ancora in fase di sperimentazione e sarà consegnato nella sua versione definitiva a fine anno.

Il Comune di Milano, però, già se ne serve per migliorare le offerte della propria città e collaborando con gli sviluppatori indicando cosa non va e permettendo agli universitari di sistemare le imperfezioni.

La professoressa Francalanci spiega: “Siamo partiti tre anni fa con la sfida di arrivare dove nessuno era ancora arrivato e cioè realizzare uno strumento che permettesse di fare sentiment analysis in modo automatizzato. Da quel momento siamo riusciti a essere i primi al mondo a questo livello di precisione”.

“Per sviluppare un giusto modello siamo partiti con il confronto fra Milano e altre città europee”, ha precisato Fiamma Petrovich, senior manager della società, “era il periodo della Design Week, che ha coinciso con il blocco dei voli a causa dell’eruzione del vulcano islandese.

Il disordine regnava in tutta Europa, Milano era piana di stranieri che segnalavano su Twitter i disagi. La città di Londra creò un coordinamento proprio su Twitter per dare tutte le informazioni. Un esempio interessante”. Il futuro di questo progetto punta innanzitutto su Facebook, oggi principale aggregatore di notizie e condivisione, e poi all’ampliamento delle lingue da impiegare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il