BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carte di credito ricaricabili e revolving: tassi di interessi su presti a confronto 2010-2011

Come funzionano le carte revolving. Offerte e tassi



Saranno valide negli ultimi del 2010 e varranno almeno nei primi 6 mesi del 2011 le nuove offerte carte revolving disponibili attualmente sul mercato. Le carte di credito revolving sono normali carte di credito che permettono di rimborsare a rate il saldo di fine mese. L'importo delle rate può essere spesso deciso dal cliente a partire da una rata minima (solitamente dal 5 al 10 %).

Le novità del momento sono quelle proposte da Agos Ducato, Findomestic, American Express e CartaSì. Su questi prodotti il Taeg medio, il tasso annuo effettivo globale, è stabile al 17,8%, che non è decisamente non basso. Alti i tassi di Findomestic, che per la carta Aurea risulta salito addirittura di quattro punti, dal 16,49% al 20,41%, American Express e Compass di Mediobanca hanno, invece, abbassato i tassi.

La prima ha abbassato il tasso di due punti, dal 21,99% al 19,99%, l’altra ha tagliato il tasso dal 20,98% al 19,56%. Conveniente anche la prposta di Intesa Sanpaolo: la sua carta Moneta ha un tasso sotto la media che si aggira sul 9,95%. La più cara è, invece, l’offerta Barclays, seguita di misura da Findomestic, entrambe con un tasso di oltre il 20%.

La scelta delle revolving avviene solitamente per prestiti relativamente bassi, avendo, dunque, un effetto ridotto sul portafogli, “ma proprio perché si tratta di piccole cifre i tassi dovrebbero essere abbassati”, commenta Giovanni Calabrò, direttore generale dell’Antitrust presieduto da Antonio Catricalà. “È paradossale che, essendo il rischio limitato, i tassi siano così alti”.

Le Carte Revolving offrono, oltre a tutte le caratteristiche delle normali carte di credito, una disponibilità di denaro immediata da utilizzare a piacere, possono essere utilizzate per prelievi presso gli sportelli bancomat e per acquisti, non prevedono commissioni aggiuntive e rimborsano mensilmente il plafond con rate predefinite.

Quando la carta viene usata, la sua disponibilità diminuisce gradualmente, ma aumenta nuovamente ad ogni versamento, mentre, se non si utilizzi, la disponibilità rimane intatta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il