BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazione auto rinnovo a dicembre 2010: aumenti segnalati. Cosa fare

Rinnovare la propria rc auto. Come fare



Arriva il mese di dicembre e per molti automobilisti arriva anche il momento di rinnovare la propria polizza di assicurazione auto e allora bisogna prestare attenzione agli eventuali aumenti che le compagnie applicheranno.

E’ arrivata, infatti, qualche giorno fa la notizia secondo cui una compagnia ha proposto aumenti superiori al 50% da un anno all’altro ai suoi clienti, pratica che ha spinto l’authority ad aprire un’istruttoria. Rinnovare la propria rc auto può svolgersi in due modi, attraverso i contratti con il tacito rinnovo e quelli senza.

I primi sono quei contratti che si ritengono rinnovati automaticamente anno dopo anno e per cambiare compagnia in questi casi bisogna avvisare con 15 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della polizza o, se gli aumenti proposti sono superiori all’inflazione (senza contare i malus), anche entro il giorno della scadenza.

Per i contratti senza tacito rinnovo, devono essere riformulati di anno in anno. Contro il tacito rinnovo negli ultimi tempi sono sorte parecchie polemiche e anche l’Isvap, l’authority che vigila sul settore assicurativo, ha insistito perché venisse cancellata questa possibilità in modo da spingere l’assicurato a cercare la polizza più conveniente ogni anno.

Supermoney, il portale del confronto rc auto e delle tariffe, per capire quali ha messo in evidenza le compagnie che oggi propongono i premi più convenienti. Considerando il caso di un guidatore romano, che ha la patente da 20 anni e classe di merito 4, e che vuole assicurare la sua Ford Fiesta 1.4, la polizza più conveniente è risultata quella di Quixa che propone un premio annuo di 325 euro. A seguire troviamo ConTe.it, che prevede un premio di 408 euro, e Direct Line con una polizza da 474 euro l’anno.

I dati sono stati elaborati dal sito http://www.supermoney.eu che vi invitiamo a visitare

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il