BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui 100%: nuove offerte 2010-2011

Mutui al 100%: cosa sono e le proposte migliori




Tornano i mutui 100%: difficili da ottenere, con particolari requisiti da avere per poterne fare richiesta. I mutui 100% sono una combinazione fra un normale mutuo che copre fino all'80% del valore dichiarato per l'acquisto di un immobile più una polizza assicurativa che copre il restante 20% e che garantisce l'extra esposizione bancaria (tutto ciò ha un costo che viene scaricato sul cliente finale).

La banca anche volendo non potrebbe per legge erogare un mutuo 100% nella forma classica (senza componente assicurativa).Nel computo del 100% non possono essere incluse altre spese, come ristrutturazione e acquisto mobili, per questo le banche che erogano tali tipi di mutui consentono al cliente, che ha da parte qualche risparmio, di investire tutta la somma di cui dispone in queste spese e servirsi di un finanziamento che copre tutta la spesa dell'acquisto della casa.

A presentare una linea di prodotto di questo tipo è la Banca popolare di Spoleto, con la gamma di finanziamenti Full a tasso fisso, variabile e flessibile con spread differenziati a seconda che il mutuo copra tra l'80 e il 95% del valore dell'ipoteca o invece arrivi al 100%.

I tassi fissi sono indicizzati all'Eurirs di periodo più uno spread che tocca il 2,70% nel caso di finanziamento fino al 95% (tasso attuale attorno al 6%) e al 3% per prestiti al 100% (tasso attorno al 6,3%). Per quanto riguarda il variabile, gli spread sull’Euribor a 6 mesi arrivano all'1,95% se il prestito copre al massimo il 95% (tasso attuale 3,15%) mentre arriva al 2,25% per coperture superiori (tasso attuale 3,45%).

Buoni anche i prodotti 100% della linea Domus di Banca Intesa, le cui condizioni sono differenti tra mutui che finanziano tra l'80 e il 95% e prestiti che coprono il 100% del valore. I prestiti fissi con copertura fino al 95% vanno dal 4,95% (15 anni) al 5,40% (30 anni); i tassi arrivano al 5,90% per il 100%.

Il variabile, invece, è indicizzato all'Euribor 1 mese con spread da 1,7% a 1,8% per finanziamenti fino al 95% (tasso attuale tra 2,6 e 2,7%); per il 100% si va dal 2,1 al 2,2% (tasso totale tra il 3 e il 3,1%). Le condizioni dei mutui Domus sono applicabili anche in caso di surroga, ma in questo caso il limite del 95% non è superabile. Intesa offre anche una linea Domus giovani, con spread ridotti, possibilità di indicizzazione dei mutui variabili al tasso Bce e applicabili anche a persone che non abbiano un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il