BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Smartphone Android con Qualcomm: la storia si ripete?

Android e Qualcomm insieme per smartphone?



Qualcomm-Android dal mondo personal computer potrebbe approdare sugli smartphone. Così con il termine Quadroid ci si riferirebbe ai chip Qualcomm usati all’interno degli smartphone con sistema operativo mobile Android di Google.

Il termine, coniato di recente in un report della società di consulenza PRTM, potrebbe diventare presto realtà, considerando che Qualcomm fornisce il 77% dei chip usati nei telefoni basati su Android. Alcuni analisti sostengono che, come accaduto per i pc, Quadroid potrebbe abbassare i margini dei profitti per i produttori di smartphone, il che potrebbe rappresentare un vantaggio per i consumatori ma non per i produttori di telefoni.

Android cresce rapidamente, nel terzo trimestre dell’anno è arrivata ad esser presente sul 25% di tutti gli smartphone, secondo gli ultimi dati Gartner, e molti analisti ritengono che entro la fine di quest’anno Android sarà il sistema operativo per smartphone numero due, dietro Symbian di Nokia.

Secondo PRTM, Quadroid insieme ad altri fattori, potrebbe abbassare i margini lordi sui profitti per i produttori di terminali a nuovi minimi, che potrebbero secondo le previsioni attestarsi tra l’8% e il 10% , tanto che alcuni fornitori di dispositivi potrebbero non sopravvivere.

Se Qualcomm ha il vantaggio di vendere chip basati su ARM usati in smartphone e altri dispositivi, non bisogna comunque metter da parte i concorrenti, come il produttore di chip grafici Nvidia sui tablet, o Marvel, Samsung e TI sui dispositivi smartphone e di altro tipo, e nemmeno sottovalutare Intel che sta sviluppando chip mobili.

E’ per questo motivo che insieme a PRTM anche Gold ritiene che l’alleanza Quadroid alla fine significherà che i vendor dovranno competere in maniera piuttosto forte per aggiudicarsi i clienti e sarà difficile dire chi ne uscirà vincitore o meno. Quadroid potrebbe rappresentare qualcosa di positivo per i clienti se i produttori finiranno per abbassare i profitti, cosa che porterà anche ad abbassare i costi per i consumatori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il