BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus bebè proroga fino al 31 dicembre 2010 e domande per 2011

Prorogato il bonus bebè. Come fare richiesta



Si potrà richieder fino al prossimo 31 dicembre 2011 il bonus bebè. Si tratta di Fondo di credito destinati a famiglie con bambini appena nati, realizzato grazie ad un accordo tra il Dipartimento per le politiche della famiglia e l’Abi.

Il bonus bebè rappresenta in sostanza un prestito a tasso agevolato per far fronte alle nuove spese, finanziabili fino a 5mila euro da restituire in 5 anni. Il prestito viene erogato ad un tasso (TAEG) non superiore al 50% rispetto al TEGM (tasso effettivo globale medio) in vigore al momento della concessione del prestito stesso.

Beneficiari del bonus bebè sono i genitori di bambini nati nel 2009, nel 2010 e dei nascituri del 2011 senza distinzione di reddito. Non si fa distinzione fra figli naturali e i figli adottivi. Il prestito può essere richiesto entro il 30 giugno dell’anno successivo alla nascita, ma per i nati del 2009 c’è tempo fino al 31 dicembre 2010 per presentare la domanda.

In molti casi, essendo il bonus bebè un contributo ai nuovi nati erogato dalle istituzioni locali, è bene informarsi sui siti del proprio comune o della provincia di appartenenza. A Milano, per esempio, la Giunta cittadina ha approvato un bonus bebè 2011 del valore di 500 euro a patto che il reddito Isee della famiglia non superi i 18mila euro.

La domanda dovrà essere presentata al Comune di Milano e per informazioni ci si può rivolgere al Settore Servizi all’Infanzia di Via Porpora, 10. Chi abita in Comuni dove non viene istituito il bonus per il 2011, potrà comunque richiedere il sussidio del Fondo dei Nuovi Nati.

Anche questo è un prestito fino a 5mila euro a tasso agevolato da restituire in massimo cinque anni e che si richiede alle banche che aderiscono all’iniziativa senza limiti di reddito per le famiglie. Per richiedere il bonus bebè, oltre che ai Comuni di residenza, si invia una domanda alla banca un’autocertificazione con il proprio nome, cognome e codice fiscale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il