BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Spese conti correnti più alte media Europa. Ue avvia indagine. Abi risponde

Conti correnti italiani più alti d'Europa. L'indagine Ue



Le spese dei conti correnti italiani risultano le più alte d’Europa, la notizia non è del tutto nuova, ma la novità è che l’Uniona Europea ha deciso di avviare un’indagine per verificare quali siano effettivamente i costi che fanno crescere così tanto il valore dei conti italiani rispetto a quelli della media europea. 

E’ stato il commissario Ue al mercato interno, Michel Barnier, ad annunciare un'indagine sulle forti disparità dei costi, puntando il dito contro l'Italia, dove la media risulta essere la più alta, 246 euro. Ma l'Associazione Bancaria risponde sostenendo che costo effettivo è di 114 euro.

L'Abi, infatti, pur dichiarandosi disponibile a collaborare all'indagine, contesta i dati Ue e rende noti i propri, da cui risulta che il costo medio in Italia è di 116 euro, e quelli dell'analoga indagine condotta dalla Banca d'Italia, dalla quale emerge una media di 114 euro. Dati molto diversi da quelli europei.

Il commissario Barnier, dal suo canto, ha annunciato che se l'operazione trasparenza sui costi delle operazioni bancaria non porterà i risultati auspicati, la Commissione è pronta a intervenire per legge"sulla materia entro l'anno prossimo. L'Abi replica ricordando che il confronto sui prezzi dei servizi bancari deve tenere conto i diversi modi di fare banca oggi in Europa e ricorda l'introduzione dell'indice sintetico di costo, che rappresenta il dato per specifici profili di clientela, indice che altri Paesi non hanno adottato.

Le spese conti risultano, invece, simili tra la media elaborata dall'Abi sui costi dei conti correnti e quella risultante dall'indagine della Banca d'Italia, da cui risulta che la spesa media è risultata pari a 114 euro, in linea con quella rilevata l'anno prima, vedendo lievemente ridotti i canoni e le spese per prelievi e pagamenti, mentre sono cresciute le altre spese variabili.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il