BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sicurezza informatica 2011: Symantec rilascia previsione

Previsioni sulla sicurezza informatica 2011. Lo studio Symantec



L’importanza più rilevante sarà del cloud, dei device mobili e dei social media. Saranno questi nel nuovo anno gli elementi che avranno una maggiore importanza nel comparto sicurezza informatica, secondo una ricerca Check Point che svela come l’utilizzo in azienda di device consumer darà ai responsabili It nuovi problemi per la protezione dei dati.

Considerando che oggi le aziende sono sovraccariche d'informazioni, che crescono in maniera esponenziale, e il budget per l'IT cala, per le sue previsioni per il 2011 sulla sicurezza, Symantec ritiene sia necessaria una maggiore efficienza nel proteggere e gestire i propri dati.

Ciò significa trarre i massimi benefici da virtualizzazione, dispositivi mobili, backup e archiviazione e cloud computing. Secondo Symantec, cresceranno gli smartphone nelle imprese e questo processo porterà a nuovi modelli di sicurezza informatica nel mercato del 2011.

Sarà, dunque, inevitabile, secondo le previsioni, che nei prossimi 12 mesi i device mobili saranno maggiormente presi di mira day cyber criminali. Altra criticità è rappresentata dalla virtualizzazione: molte imprese ritengono che i dati e le applicazioni della loro infrastruttura virtuale siano protetti ma nel 2011 molte di queste si troveranno a dover ammettere che la protezione di questi ambienti necessita di maggiore sicurezza.

A complicare le cose ci saranno anche i dispositivi mobili. Secondo le stime nel corso del prossimo anno si prevede un forte aumento nel numero di utenti remoti che si connetteranno alle loro reti e più grandi e distribuite sono le aziende più sono i problemi per gli It manager, alle prese con perdita dei dati, smarrimento, furto dei dispositivi mobili e utilizzo di connessioni Internet non sicure.

A scuotere il mondo della sicurezza ci saranno anche i social media e data center di nuova generazione, sempre più impiegati per migliorare la comunicazione e la produttività delle imprese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il