BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mercati emergenti 2011: previsioni

Sono i nuovi protagonisti della scena economica. Come andranno nel 2011 i Paesi Emergenti?



Previsioni ottimistiche per i mercati delle nuove economie, che nel 2011 diventeranno quasi padroni della scena economica mondiale. I listini dei paesi emergenti sono stati promossi a pieni voti dai gestori e da gran parte degli economisti, dopo che nel 2010 l’indice azionario Msci Emerging Markets ha segnato una performance del 13,22% in dollari e di oltre il 10% in valuta locale. Scuderie.

Fondi come l’Aviva Investors Emerging Markets Equity Small Cap di Aviva (+ 43,11%), il Vontobel Equity Emerging Markets del gruppo elvetico Vontobel (+34,83%) o il JPM Funds Emerging Markets Value di JPMorgan AM (+34,31%) hanno conquistato risultati addirittura tripli rispetto alla media del mercato, e fra le scuderie italiane spicca il buon piazzamento (+29,60%) di Pioneer Emerging Europe & Mediterranean Fund, di Pioneer Investments, gruppo Unicredit.

Lo scenario più probabile del 2011, secondo i fund manager, è uno in cui le borse di India, Cina e  Brasile potranno essere messe in ombra da nuovi nati come l’Indonesia, la Turchia, la Colombia.

Ma sono i listini asiatici a vantare le migliori prospettive di crescita, con l’America Latina al secondo posto e i paesi dell’est europeo fanalino di coda, eccezion fatta per la Russia e la Turchia (entrambe +21% nel 2010), giudicate anche in futuro capaci di compiere notevoli balzi.

“Dopo che i rendimenti dei listini Emergenti sono stati pari a una media del 25% (in euro) ci aspettiamo guadagni a doppia cifra anche nell’anno che verrà, visto che le valutazioni sono ancora convenienti e ci sono segnali di ripresa anche negli Stati Uniti”, ha spiegato John Pollen responsabile del desk Mercati Emergenti di Pioneer Investments.

I gestori di JPMorgan am puntano, invece, sul Brasile, sui paesi dell’Europa dell’est e sulla Corea, ma non mettono da parte India e in Cina; per Pioneer Investments saranno Turchia (diventata uno dei mercati più interessanti nel corso degli ultimi anni grazie a un miglioramento strutturale della propria stabilità politica e a una decisiva riduzione del tasso di inflazione) e Indonesia i Paesi su cui puntare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il