BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Computer in azienda si cambiano di meno e durano di più

Ogni quanto si cambia il Pc in azienda? Gli ultimi dati



Si allunga il ciclo di vita degli hardware e in azienda i computer si cambiano meno spesso. La recessione prima e il perdurare dell’incertezza economica sono stati gli elementi principali che hanno portato all’allungamento dell’età media aziendale di notebook, desktop e server.

Cambia così il ciclo temporale di rinnovo del parco hardware aziendale. Alcuni esperti di mercato hanno evidenziato che oltre 1.100 decisori IT di tutto il mondo hanno deciso quest’anno quasi in maggioranza di evitare il rinnovo dei pc nelle rispettive aziende.

Il campione di professionisti è stato intervistato da una società di ricerca, Richard Day Research e di questi il 49% ha detto di non avere intenzione di sostituire quest’anno i desktop aziendali con modelli più recenti. Bob Houghton, presidente di Redemtech, società specializzata nel riciclo e nella susseguente rivendita di diversi milioni di pc e server all’anno, ha spiegato che “Le difficoltà dell’economia stanno insegnando a molti CFO che il ciclo di vita dell’hardware può essere più lungo di quanto fatto finora credere dagli uomini dell’IT”.

Secondo Houghton, è “da qualche anno che il ciclo di vita dei prodotti hardware ha iniziato ad allungarsi, ma la recessione ha accelerato notevolmente il trend”. La sua azienda ha condotto una propria indagine indipendente su un campione di 179 grandi realtà, non necessariamente tutte sue clienti, scoprendo che non è più vero che i portatili vengono in media sostituiti ogni tre anni.

Secondo l’indagine condotta da Redemtech, il 40% delle aziende cambia il parco notebook ogni tre anni, più del 30% ogni quattro anni e circa il 20% addirittura dopo cinque o più anni.

Per quanto riguarda i pc desktop, il 39% delle aziende tiene gli stessi prodotti per quattro anni e il 30% per cinque o più anni, mentre per quanto riguarda i server, il 60,5% delle imprese intervistate tiene lo stesso modello per più di cinque anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il