BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Processori Intel Core i5 2500K e Core i7 2600K Sandy Bridge

Nuovi processori Intel Sandy Bridge a Las Vegas. Le novità



Intel porterà al prossimo Ces 2011 di Las Vegas, che aprirà i battenti giovedì sei gennaio, l’aggiornamento dell'architettura Core e la nuova famiglia Sandy Bridge. Si tratta della seconda generazione di Intel Core, che promette maggiore potenza, prestazioni migliori rispetto e consumi decisamente inferiori, grazie alle novità introdotte come l'incremento della banda della cache di secondo livello.

Grazie alla nuova architettura e alle tecnologie integrate, infatti, secondo Intel, l'incremento delle prestazioni per i modelli i7 dovrebbe essere del 20% rispetto alla precedente generazione sul fronte desktop e del 60% su quello mobile. Per i più economici i5 la crescita delle prestazioni è stimata nel 15% per le CPU destinate ai computer desktop e nel 40% per i PC portatili. processori Core Sandy Bridge Core i5 2500K e Core i7 2600K sono, dunque, arrivati.

Le nuove Cpu basate su Sandy Bridge della serie Core ix-2000 sostituiranno i Core i7-800, Core i5 e Core i3, con le nuove versioni sia quad core che dual core. I nuovi processori Sandy Bridge per desktop saranno abbinati alle nuove schede madri socket 1155 LGA.

Per quanto riguarda i modelli, sia sul versante desktop sia su quello notebook, resterà la suddivisione i3, i5 e i7 della precedente generazione Core. I nuovi modelli Core i3, i5 e i7 sono realizzati con tecnologia a 32 manometri, multi core e integrano nella CPU il processore grafico e il controller della memoria, spiccano, inoltre, le tecnologie Turbo Boost e Hyper-Threading e l’introduzione della tecnologia Advanced Vector Extension che ne migliora le prestazioni.

Migliorata anche la gestione del wireless, con il supporto di WiFi e Bluetooth combinati e al WiDi, ocioè il wireless display. Il WiDi offre la possibilità di inviare i contenuti multimediali da un portatile a un televisore full Hd per gestire foto, video e audio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il