BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni 2011: sommare contributi maturati con gestioni e lavori differenti

Come sommare i contibuti maturati durante l'attività lavorativa per ottenere un'unica pensione



Cambia il sistema delle pensioni in Italia e tante sono le novità che i cambiamenti porteranno. A parte nuove quote, finestre mobili ed età di pensionamento, l’altra novità riguarda i lavoratori che hanno versato contributi in diverse casse, gestioni o fondi previdenziali.

D’ora in poi essi avranno la possibilità  di sommare tra loro le varie anzianità e i molteplici accrediti contributivi, in modo da ottenere un'unica pensione di vecchiaia o di anzianità.

Rientrano nella categoria di coloro che possono usufruire di questo trattamento i lavoratori dipendenti e autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri), gli iscritti alla gestione separata Inps (co.co.co/pro, venditori porta a porta, liberi professionisti senza cassa, lavoratori autonomi occasionali, associati in partecipazione, volontari del servizio civile avviati dal 2006 al 2008), i sacerdoti secolari e ministri di culto delle confessioni diverse da quella cattolica autorizzate dal ministro dell'Interno, percettori di assegni e borse di studio di ricerca, medici con contratto di formazione specialistica, i liberi professionisti iscritti a una Cassa privatizzata e/o privata, e gli iscritti alle forme assicurative sostitutive ed esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria.

Per ottenere la pensione di vecchiaia e a quella di anzianità, possono rientrare nell'operazione di totalizzazione solo le gestioni in cui è presente un'anzianità contributiva pari almeno a tre anni.

Per la pensione di vecchiaia la determinazione dell'anzianità contributiva si ottiene sommando i periodi contributivi delle singole gestioni (minimo tre anni) non coincidenti.

Per la pensione di anzianità in totalizzazione (con anzianità non inferiore a 40 anni) sarà necessario rispettare le condizioni previste dai singoli ordinamenti. Per l'anzianità contributiva si sommano i periodi contributivi non coincidenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il