BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mac App Store: software da scaricare per computer Mac. Ma c'è crack

Come funziona il Mac App Store: il debutto



Debutto fortunato per il Mac App Store, che è già riuscito a rendere disponibili più di 1.000 applicazioni agli utenti dei computer Mac. Nato sul modello dell'App Store per iPhone, iPod e iPad, il Mac App Store nelle 24 ore successive all'apertura ha registrato più di un milione di applicazioni scaricate.

Si tratta di un nuovo negozio Apple online solo dedicato ai Mac. La piattaforma Mac App Store è stata definita da Jobs una “nuova e innovativa modalità di scoprire e acquistare le proprie applicazioni preferite”.

Una volta effettuato l'accesso nel catalogo, si nota subito la stretta somiglianza con l’App Store originale: decine di icone, con a fianco dettagli di produzione e prezzo, disposte sulla pagina principale, con possibilità di acquisto e download, e facilissimo da usare, soprattutto per chi ha già familiarità coi dispositivi mobili di Apple, capire dove e come muoversi, e destreggiarsi tra le tante schermate disponibili, divise per generi e categorie.

Il software che ha avuto più successo in questi giorni è stato il media player VLC, che però oggi è scomparso dal negozio online. Il motivo? Sembra si tratti di una questione di licenze: la versione per l'App Store, che non è stata sviluppata dal team originale, ma da Applidium, comprende un sistema di protezione dei diritti digitali (DRM).

Questo, però, è in contrasto con la licenza GNU GPL che copre la versione originale e a causa di questa incompatibilità VLC ha dovuto ‘lasciare’ l’App Store. I software disponibili nel negozio online lo sono sia in versione gratuita che a pagamento ma, per evitarlo, uno dei crack del Mac App Store consisterebbe nello scaricare il software Kickback, per scaricare le applicazioni saltando il pagamento. Altro metodo per evitare il pagamento, è basato su un bug e permette di utilizzare un semplice copia-incolla della licenza di un’applicazione gratuita per non pagare i software.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il