BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Evasione fiscale 2011: controlli su migliaia di contribuenti da 4 liste

Migliaia di contribuenti, anche illustri, nel mirino del Fisco. I controlli



La lista Falciani è solo l’ultima in ordine di comparizione cronologica. Ma c’è anche la Pessina, San Marino-Forlì e Kundenliste, scoperta dalla Guardia di Finanza di Bressanone nel pc di un promotore finanziario che gestiva conti cifrati della Ubs di Lugano.

Sono loro le liste nere degli evasori fiscali, che annoverano fra i correntisti i grandi nomi prestigiosi di personaggi del mondo dello spettacolo, finanzieri, stilisti che vogliono occultare oltralpe il loro denaro.

Sono liste che però hanno scatenato forte ‘curiosità’ e che hanno portato al via di andagini che si diramano ovunque. Partiamo dalla lista Falciani: durante la scorsa primavera la Guardia di Finanza era entrata in possesso della Lista che conteneva un lungo elenco di presunti evasori fiscali sottratta dall'ex dipendente Hervé Falciani, alla banca Hsbc di Ginevra.

L'elenco, giunto in Italia il 19 maggio 2010, ha riservato molte sorprese. Sono stati resi pubblici alcuni nomi dei primi indagati nell'ambito dell'inchiesta, ma sarebbero oltre 700 gli iscritti nel registro dalla Procura di Roma: tra i nomi ci sarebbero gli stilisti Valentino Garavani e Renato Balestra, Elisabetta Gregoraci, l'attrice Stefania Sandrelli ed il gioielliere Gianni Bulgari.

Sulla Falciani sono state già concluse 774 indagini che hanno ‘svelato’ tra le altre cose 180 milioni di euro e 28 persone finora sconosciute all'Erario. Altra Lista, la Pessina, ha coinvolto 581 contribuenti per 210 milioni di redditi non dichiarati, e oltre 1.200 quelli dell'elenco San Marino-Forlì per 230 milioni di redditi nascosti.

Si potrebbe parlare di grandi successi che il Fisco italiano negli ultimi anni è riuscito ad ottenere, grazie anche a strumenti più efficaci capaci di essere ben più capillari e ‘intelligenti’ delle strategie degli evasori. Nel mirino migliaia di contribuenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il