BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Intercettazioni telefoniche Ruby e Berlusconi, Fede, Mora e Minetti sono online

Imbarazzanti le intercettazioni sul premier nel caso Ruby. I contenuti



Continua lo scandalo che vede ancora una volta il premier Silvio Berlusconi protagonista, insieme alla sua collaboratrice Nicole Minetti, Lele Mora e il direttore del Tg 4 Emilio Fede. Il caso Ruby, le accuse di concussione e prostituzione minorile, i nomi delle presunte fidanzate, continuano a creare imbarazzo nel mondo della politica e non.

Un imbarazzo che cresce soprattutto dopo le intercettazioni rese note. A farlo è stato L'Espresso online. I quotidiani in edicola dedicano fiumi di parole alla vicenda, a scatenare reazioni sono soprattutto le telefonate di Ruby, in cui la giovane marocchina avrebbe  riferito di aver chiesto “5 milioni a Silvio (Berlusconi) per stare zitta”.

Secondo il Messaggero, questa è la prova reale che permette agli avversari del premier di poter abbassare l'ascia di guerra. Su La Repubblica emergono altre conversazioni intercettate. In una di queste parla una delle ragazze invitate a una festa di Arcore che ai magistrati avrebbe assicurato di aver subìto cose che non voleva.

Si parla anche di una telefonata del consigliere regionale Nicole Minetti in cui lei stessa consiglia ad un’amica come comportarsi durante una di queste feste, mentre il Corriere ricostruisce una telefonata del presidente del Consiglio al capo dello Stato Giorgio Napolitano, in cui il premier si sarebbe sfogato dicendo: “Cercano di eliminarmi con la violenza”.

Dalle carte della Procura di Milano emergono altri racconti delle ragazze ospiti ad Arcore, i dettagli delle serate che raccontano di danze e balletti sensuali a seno scoperto e sesso. Un'amica di Nicole Minetti, che Berlusconi chiama la ‘signorina due lauree’, ha raccontato che dopo la cena, il premier avrebbe cantato davanti alle ragazze, che alcune di loro andavano nei camerini della sala dei balli adibita a Villa San Martino, si cambiavano e si ripresentavano coperte di abiti succinti.

Era allora che iniziavano i cosiddetti balletti provocanti. Un'altra ragazza ha, invece, raccontato che durante la cena le ragazze si denudavano e rimanevano a seno nudo. Dopo di che, a turno, andavano verso Berlusconi seduto sul divanetto per strusciarsi su di lui e farsi toccare.

 C’è chi dice che anche Nicole Minetti faceva spogliarelli e, a volte, si travestiva da uomo. In alcune intercettazioni spunta la sua voce. Durante una telefonata con Emilio Fede, la Minetti parlava di ‘Pompini a trecento euro’.

Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il