BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Usa-Cina: i temi del vertice

Valute, libertà della rete, nucleare e diritti umani: i temi dell'incontro tra Obama e Hu Jintao



E’ stata una cena privata il primo incontro ufficiale che ha dato via al vertice Usa Cina tra il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e quello cinese Hu Jintao. Tanti i temi sul piatto, tra i più caldi, le divergenze sul valore dello yuan, le ricette per il rilancio economico, la libertà della rete e la pirateria, che in questi ultimi mesi ha messo abbastanza in disaccordo i due Paesi a partire dalla questione Google, e il rispetto dei diritti umani.

Ma non mancano la questione tibetana, quella del nucleare della Corea del Nord, il tentativo di Pechino di controllare il Pacifico del sud-est tradizionalmente sotto il controllo degli Usa, dei limiti all'export di metalli rari indispensabili per le nuove tecnologie, e la posizione cinese nella vendite d'armi a Taiwan, per 6 miliardi di dollari.

In discussione anche la necessità di una cooperazione nella lotta al cambiamento climatico, l'urgenza di contrastare la proliferazione nucleare a cominciare da Iran e Corea del Nord, e le contese sulle acque territoriali che preoccupano storici alleati di Washington come Corea del Sud e Giappone.

I cinesi hanno ricordato che gli incontri precedenti tra Barack Obama e Hu Jintao in America furono semplici colloqui a margine di summit affollati (G20, disarmo nucleare), e l'ultima volta che il presidente cinese è stato ricevuto alla Casa Bianca, da George Bush nel 2006, il presidente americano non volle definire l’incontro visita di Stato.

Una precedente cerimonia di questo livello risale al 1997, quando Bill Clinton ricevette Jiang Zemin. Ma la Cina di oggi è più potente, indispensabile, e quindi incute più ‘timore’ agli americani. Il presidente Obama è ben consapevole di come la situazione che pone la Cina ormai al centro del mondo sia effettivamente cambiata, motivo per il quale questo vertice a due dovrebbe portare nuove garanzie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il