BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Iris Berardi è la nuova minorenne dopo Ruby nell'inchiesta contro Berlusconi: le reazioni

dopo Ruby, spunta il nome di Iris. E' ancora bufera



Dopo Ruby Rubacuori, balzata agli onori della cronaca (a tratti rosa) perché coinvolta in un nuovo caso che vede implicato il premier Silvio Berlusconi e le sue feste organizzate nelle ville di Arcore e Certosa, spunta dalle nuove carte trasmesse alla Camera il nome di un’altra minorenne che avrebbe preso parte a queste cene da tutti negate.

Si chiama Iris Berardi,è  nata nel dicembre del 1991, maggiorenne, dunque, solo dalla fine del 2009. Iris sarebbe stata presente, stando a quanto accertato dagli inquirenti, alle feste del 22 novembre 2009, un mese prima del suo 18esimo compleanno.

La posizione del premier Silvio Berlusconi, sembra dunque aggravarsi sempre di più col passare delle ore, e le accuse già a suo carico relative al favoreggiamento della prostituzione minorile, sembrerebbero ora essere ulteriormente sostenute dalle novità emerse. Nel frattempo, Nicole Minetti si difende in un'intervista al Corriere della Sera dopo le intercettazioni emerse nei nuovi atti di 227 pagine inviate dalla Procura di Milano alla Giunta per le autorizzazioni della Camera dei deputati.

“Non mi ricordo di avere detto cose di quel genere e se l'ho fatto era solo lo sfogo in un momento di rabbia, uno dei tanti che ho da quando è cominciato tutto questo. Ci deve essere un riscontro oggettivo tra queste cose e ciò che è accaduto e non credo ci possa essere. Io non ci sto a fare la figura della maitresse da quattro soldi. Chiunque mi conosce sa come sono fatta”. Tornano immediate le reazioni dal mondo politico.

Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, ha detto: “Ferma è una definizione non corretta. L'Italia cresce, anche e meno rispetto ad alcuni Paesi. Accade dal trauma politico-giudiziario degli anni '90. Ma ci sono ragioni che vengono dagli anni '70, i peggiori della nostra vita, quando si determinarono molte delle cause della debolezza competitiva del Paese come l'insufficienza del sistema educativo o la lentezza delle pubbliche amministrazioni. Questa legislatura vive solo con Silvio Berlusconi, il premier scelto direttamente dagli italiani”.

Il leader del Pd Bersani attacca: “Le carte che arrivano ancora in Parlamento certificano di una situazione ormai insostenibile; una situazione che ammutolisce la voce dell'Italia nel mondo e che lascia completamente senza presidio i problemi che si accumulano nella vita degli italiani”.

E invita: “Chi, anche nel centro destra, ha a cuore gli interessi fondamentali della nostra casa comune, deve finalmente indurre Berlusconi a fare un passo indietro e a liberare il Paese da un disagio non più sopportabile”. Critico anche il leader del Carroccio, Umberto Bossi: “Il caso Ruby è un pasticcio che complica le cose”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il