BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ps Suite come iTunes: giochi PsP2 ma anche cellulari Android

La novità Sony Ps suite: cos'è. Aperta la sfida ad iTunes di Apple



Dopo l’annuncio della PSP2, pronta a sbaragliare la nuova Nintendo 3DS, Sony ha anche annunciato, a sorpresa, il debutto della nuovo Ps Suite, negozio virtuale dove gli utenti potranno trovare su telefonini e tablet dotati di sistema operativo Android giochi e contenuti certificati da Playstation.

La nascita di questa suite rappresenta, per la prima volta, la volontà di un produttore di console per videogiochi di aprirsi a prodotti diversi dai propri. Una mossa decisamente strategica, un’alleanza rimasta a lungo segreta, ed importante perchè allarga i giochi per PsP ad Android e viceversa.

L’alleanza di Sony e Google è fondamentalmente nata per riuscire a contrastare il dominio assoluto di Apple. E forse anche Nokia, per rilanciarsi nel mondo dei colossi, dovrebbe dirottarsi verso Android. Kaz Hirai, presidente e Ceo di Sony Computer Entertainment, ha spiegato che quando “cinque anni fa abbiamo lanciato la nostra console portatile Psp i telefonini non erano tecnologicamente adatti per ospitare i videogiochi. Oggi il mondo è cambiato per questo vogliamo offrire l'esperienza dei giochi Playstation anche al di fuori delle nostre mura”.

PS Suite si presenta, dunque, fondamentalmente come un software che non farà altro che portare sui telefonini con sistema operativo Android e sui futuri Tablet che disporranno della versione Android 3.0 Honeycomb, la qualità e la quantità di giochi sviluppati per Playstation.

A partire dall’Xperia Play che verrà presentato a Barcellona e che sarà il primo dei tanti smartphone che tramite il software Suite avranno accesso all’ampio ventaglio di offerte del Playstation Store, che proporrà non solo videogiochi.

Ps suite arriva in concomitanza al lancio della Ngp (Next generation portable), nome in codice della nuova console tascabile che dovrebbe debuttare sul mercato a fine anno, che sarà dotata di schermi tattili, connessioni 3G e Wi-fi, chip Arm Cortex a 4 core abbinato al sottilissimo schermo Oled per ottime performance e grafica ad alta definizione. Mancano, però, i contenuti in 3D.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il