BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Federalismo fiscale: irpef più alta decisa dai Comuni e cancellato mini quoziente familiare

Novità Irpef e cancellazione del mini quoziiente familiare: le novità del federalismo fiscale. cosa cambia



Nuove aliquote (fissate al 21% per i canoni liberi e 19% per quelli concordati) per la cedolare secca sugli affitti, sblocco delle addizionali Irpef e via il fondo di 400 milioni destinato alle famiglie in affitto: sono queste le principali novità previste dall’ultima versione del decreto sul federalismo municipale, presentato dal ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoni.

Per quanto riguarda le addizionali Irpef, i Comuni potranno sbloccarle ma arrivando al tetto massimo dello 0,4%. Nel documento si legge che l'addizionale potrà essere sbloccata dagli enti locali che hanno un'aliquota inferiore allo 0,4% e che il limite massimo per i primi due anni non potrà superare tale soglia. Nel teso si legge, inoltre, che l'addizionale non può essere istituita o aumentata in misura superiore allo 0,2% annuo.

I comuni avranno tempo fino al 31 marzo per aumentare l'addizionale Irpef retroattivamente, per l'anno 2010, mentre a decorrere dal 2011, le delibere di variazione dell'addizionale comunale all'Irpef hanno effetto dal primo gennaio dell'anno di pubblicazione, a condizione che la pubblicazione avvenga entro il 31 dicembre dell'anno a cui si riferisce la delibera.

'Le delibere relative al 2011 sono efficaci per lo stesso anno d'imposta se la pubblicazione avviene entro il 31 marzo del 2011. Altra novità prevista, l’eliminazione del fondo di 400 milioni destinato alle famiglie in affitto. E’ stata, infatti, cancellata la misura, prevedendo invece per gli affitti sul libero mercato il blocco dell'aggiornamento all'inflazione Istat e di eventuali incrementi per tutta la durata del contratto.

Salta, dunque, il mini quoziente familiare, ma i proprietari che optano per la cedolare secca non potranno, per la durata dell'opzione per la cedolare, aumentare l'affitto, nemmeno per l'adeguamento all'Istat.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il