BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Telefonate per pubblicità e vendite: da martedì 1 febbraio blocco. Come fare richiesta

Le nuove regole del telemarketing. Cosa prevedono



A partire da domani, martedì primo febbraio, chi non vorrà farsi disturbare dalle solite telefonate di pubblicità potrà evitarlo. Come? Semplicemente effettuando una telefonata o attraverso un semplice un clic sul computer per farsi cancellare dagli elenchi e non essere più disturbati.

Arrivano, infatti, cambiamenti radicali nella gestione degli elenchi abbonati e si passa dall'attuale regime dell'opt-in, che prevede l'esplicito consenso del cliente per poter essere chiamato telefonicamente (consenso spesso viene dato all'insaputa dell'utente all'atto della sottoscrizione del contratto), a quello dell'opt-out che, al contrario, stabilisce che gli abbonati sono tutti contattabili, salvo quelli che si iscrivono al Registro delle opposizioni, gestito dalla Fondazione Bordoni.

Per cancellarsi dagli elenchi e non essere più contattati, basterà semplicemente seguire le indicazioni contenute nel sito della Fondazione, o chiamare il numero telefonico che verrà comunicato a tutte le famiglie attraverso una campagna televisiva a cui sta lavorando il Diparimento delle comunicazioni del ministero dello Sviluppo economico, che coinvolge anche il Dipartimento per l'editoria di Palazzo Chigi.

Le modalità per sottrarsi alle chiamate verranno comunicate anche dagli stessi operatori telefonici. Con la nuova legge, l'Italia si allinea al resto d'Europa, dove l'opt-out è stato adottato nella maggior parte dei Paesi che da tempo hanno scelto questa strada insieme a al codice di autoregolamentazione degli operatori, novità pensate per rendere il telemarketing meno invadente.

Per quanto riguarda gli orari in cui potranno essere fatte le telefonate, i call center potranno chiamare nei giorni feriali dalle 9 alle 21:30 e il sabato dalle 10 alle 19, mentre non si potranno effettuare le domeniche e i festivi. Le chiamate potranno essere al massimo una al mese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il