BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Click day 31 gennaio 2011 per permessi di soggiorno immigrati: 300mila domande su 98mila posti

Una valagnga di domande per il primo click day in Italia



Quasi 300mila domande in 4 ore per 98mila posti disponibili: questi i numeri ottenuti ieri nel primo giorno del click day. Poco dopo le 8, i server del Viminale avevano registrato oltre 100mila domande d'assunzione e in appena quattro ore il conto si è arrivati a quota 300mila.

Una valanga di domande considerando i ridotti posti in palio, 86.580 nuovi ingressi e 11.500 conversioni di permessi di soggiorno, e lo stop di due anni ai decreti flussi. Duecentottomila domande hanno riguardato colf e badanti. I Paesi più rappresentati sono: Bangladesh (48mila domande), Marocco (44mila), India (36.800), Sri Lanka (23mila) ed Egitto (22.600). Mentre le prime tre province italiane sono Milano (37.500 domande), Roma (22.500) e Brescia (18.800).

Nei primi secondi, dopo il via libere alle 8, fanno sapere al dipartimento per le Libertà civili e l'immigrazione del Viminale, sono state ricevute oltre 100 mila domande. La velocità è infatti fondamentale, visto che a venire accolte saranno le domande arrivate per prima.

Col decreto flussi, l'Italia stabilisce annualmente il tetto massimo di cittadini extracomunitari che possono entrare nel nostro Paese per motivi di lavoro subordinato o autonomo. Rappresenta l’unica possibilità per mettere in regola chi già si trova in Italia, basta semplicemente presentare domanda d'assunzione.

Gli altri due Click Day sono in programma per mercoledì 2 e giovedì 3 febbraio sempre alle 8 e sarà possibile inviare le domande relative solo a colf e badanti di nazioni differenti da quelle di lunedì (30 mila i posti in palio). Giovedì 3 febbraio è il giorno della conversione in permessi di soggiorno per lavoro subordinato non stagionale di 11 mila permessi per studio, tirocinio, lavoro stagionale e altre tipologie, e all'ammissione di 4 mila extracomunitari che abbiano completato programmi di formazione nel Paese di origine.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il