BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 3.0: funzioni e caratteristiche. Video

Google ha ufficialmente presentato la nuova versione Android 3.0 Honeycomb. Caratteristiche



Google ha ufficialmente presentato la nuova versione del sistema operativo Android 3.0 Honeycomb, piattaforma open source pensata soprattutto per i tablet. E diciamo soprattutto perché se inizialmente il progetto era destinato a fare arrivare Android 3 solo sui Tablet, ora sembra che il nuovo sistema operativo potrebbe essere installato anche sui nuovi smartphone.

Il nuovo sistema operativo presenta tante novità interessanti, a partire dalla home, che potrà essere più personalizzabile molto semplice e pratica da utilizzare, al multitasking, che grazie ad un pulsante dedicato, come il drag & drop sullo schermo, sarà molto più reattivo.

Il sistema supporterà moduli fotografici sempre più performanti e integrerà anche il supporto nativo per la funzionalità di videotelefonata. Tra le altre novità troviamo grafica 2D e 3D, possibilità di sviluppare effetti grafici ad alta qualità, supporto per Bluetooth con A2DP e HSP, più compatibilità USB e Wi-fi, e nuovi sistemi di sicurezza e di crittografia dei dati.

Android 3.0 presenterà una nuova barra di sistema, posta nella parte inferiore dell’interfaccia, che offrirà varie funzionalità, come ad esempio l’accesso alle applicazioni più recenti o informazioni sul sistema stesso, mentre nella parte superiore troviamo una seconda barra relativa alla gestione dei menu dell’applicazione utilizzata in quel preciso momento, alla gestione dei widget presenti ed altro.

Novità anche per il software. Insieme alla versione Honyecomb del sistema operativo, arriverà anche l’Android Market, sito Web per cercare le Web apps. Ne sono già disponibili 17, tra cui Google Body, AccuWeather, CNN, Disney Mobile, The Economist, Fuze box, Glu Mobile, Grocery iQ, Time Magazine, TouchType. Intuit, Ngmoco, Pulse News, Quickoffice, Trendy Entertainment, War Drum Studios, Weatherbug, Zynga.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il