BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Foto Berlusconi nudo: Corona parla di Camorra e fotomontaggi. Nuova pista napoletana

Foto del premier nudo e nuove intercettazioni: il caso Ruby continua a svelare segreti



La notizia ha fatto il giro di Italia in men che non si dica e il diretto interessato, Fabrizio Corona, ha subito rilasciato dichiarazioni in merito. Dagli uffici della sua agenzia, La Fenice, sarebbe stato infatti rubato il suo cosiddetto ‘archivio segreto’, furo che, secondo lo stesso, Corona sarebbe stato commesso da chi sapeva cosa cercare e dove trovarlo.

Corona dice: “Il termine archivio segreto è una parola mediatica e chi è andato in quell'ufficio cercando di trovare quello che poteva pensare che io ho in mano, certo non ha capito che non le terrei nel mio ufficio. Il furto non è certo una trovata pubblicitaria. Oggi ho tantissimi problemi, è due mesi che cerco di starne fuori e chi solo può pensare che questo fatto sia un'idea per farmi pubblicità mi fa venire il sangue al cervello e mi fa tornare ad essere quello che non sono più. Non hanno toccato cose di valore, sapevano quello che cercavano e sapevano dove trovarlo”.

E cosa cercavano? Sembra che i ladri volessero trovare foto del premier Berlusconi nudo, ma Corona assicura che non ci sarebbero foto di Silvio Berlusconi nudo o altre immagine oscene riguardanti le cene di Arcore. “Non esiste nessuna foto del premier in atti osceni. Ho visto, posso aver visto, foto, che ha in mano la procura della Repubblica di Milano, ovvero ragazze che sono state a casa di Berlusconi, che fanno vedere la foto della cena, quella della festa, quella con il premier, non fanno vedere foto di atto osceni.

Se avessi avuto, o ho ancora, delle fotografie che possono essere compromettenti relativamente a Vallettopoli, relativamente a queste vicende, sicuramente non le terrei nell'archivio segreto, le terrei sciolte, le tengo da qualche parte magari sotto terra, questo l'ho imparato”.

Nel frattempo, dalle intercettazioni sono emerse telefonate e sms che hanno rivelato nuovi dettagli sul reclutamento delle ragazze da mandare ad Arcore e nelle altre ville del presidente Berlusconi. Ed emerge, inoltre, che le foto del premier nudo verrebbero trattate a Napoli da emissari di settimanali con la malavita. Entro qualche giorno Corona sarà interrogato come testimone per scoprire se davvero abbia informazioni sulla vicenda.

Ma l'indagine condotta dai pubblici ministeri ha già aperto nuovi scenari sul giro di prostituzione arrivato sino alle residenze del capo del governo e da cui emergerebbe anche una nuova pista napoletana. Tutto sarebbe iniziato qualche mese fa quando la polizia ha avviato un'indagine su un traffico di euro falsi.

Tra le persone sotto controllo c’è un uomo conosciuto come Bartolo, che si occupa di campagne pubblicitarie e cura l'immagine di alcune ragazze e che cerca anche piazzare sul mercato banconote fasulle.

Le intercettazioni svelano i suoi rapporti con Corona, e soprattutto quelli con l'attrice Sara Tommasi, personaggio chiave dell'inchiesta napoletana. La giovane è stata diverse volte ad Arcore, era presente pure il 25 aprile insieme a Ruby e alle altre ragazze dell'Olgettina quando a Villa San Martino arrivò Vladimir Putin. Le conversazioni ricostruiscono incontri a pagamento ai quali ha partecipato a Napoli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il