BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Premi dipendenti pubblica amministrazione 2011: cosa prevede accordo contratto

I punti del contratto del pubblico impiego: cosa prevedono



I pubblici dipendenti con retribuzioni congelate dal 2010 al 2013 non subiranno ulteriori penalizzazioni dall'applicazione delle tre fasce di premio meritocratiche previste dall'articolo 19, cuore della riforma Brunetta.

In base all'intesa di palazzo Chigi solo con risorse aggiuntive derivanti dai risparmi di gestione saranno distribuiti i premi, secondo il criterio che al 25% dei più meritevoli andrà il 50%, al 50% il restante 50% e il 25% non avrà nulla. Ciò significa che nessuno sarà soggetto a penalizzazioni al salario accessorio che, secondo i calcoli della Cisl, oscilla tra i 300 e i mille euro netti per dipendente.

I più meritevoli, però, non verranno premiati rispetto agli altri colleghi, almeno fino a quando il Tesoro non avrà quantificato le risorse aggiuntive. Ricordiamo che la Cgil, venerdì scorso ha abbandonato il tavolo dei lavori, contestando la decurtazione dei salari pubblici.

La Cgil ha lasciato il tavolo con il governo in cui l'esecutivo ha presentato ai sindacati il testo dell'accordo sul regime transitorio sugli aumenti salariali legati alla produttività nel pubblico impiego. L'intesa, oltre a Cisl e Uil, è stata firmata anche da Ugl, Usae, Confsal e Cida. Hanno detto no Cgil, Cgu, Cisal, Confedir, Cosmed, Cse e Rdb-Usb. 

L’accordo prevede che le parti convengono sulla necessità di realizzare un sistema di relazioni sindacali che persegua condizioni di produttività ed efficienza del pubblico impiego tali da consentire il rafforzamento del sistema produttivo e il miglioramento delle condizioni lavorative; che le retribuzioni complessive, comprensive della parte accessoria, conseguite dai lavoratori nel corso del 2010, non debbano diminuire; che i premi previsti dalla riforma Brunetta possano essere finanziati solo con le risorse derivanti da risparmi di gestione; e la costituzione di commissioni paritetiche che avranno il compito di monitorare e analizzare i risultati prodotti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il