BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imprenditori di successo italiano nelle energie alternative: le storie

Le storie di giovani imprenditori italiani di successo



Ventiquattrenni, amici, avvocati nello studio legale internazionale Freshfields Bruckhaus Deringer, con il desiderio di diventare imprenditori. Si chiamano entrambi Matteo e la loro storia di successo inizia con la creazione di un'associazione che promuove il business etico (Corporate social responsibility ed energie rinnovabili).

I due ragazzi, impegnandosi nella realizzazione del loro sogno, scoprono che alcuni fondi di investimento stranieri iniziano a guardare all'Italia per investire sul fotovoltaico, in concomitanza alla presentazione, in Italia, del secondo Conto energia. I due studiano, si interessano e in poco tempo diventano punto di riferimento per chi punta al business verde in Italia.

Spesso hanno risentito negativamente della loro giovane età, ma alla fine ciò che conta non è l’età ma la competenza nella materia in cui si lavorano e Matteo e Matteo ne avevano da vendere. Così in molti hanno iniziato a cercarli.

Raccontano: “Ci sono stati tre momenti in cui tutto sembrava pronto, poi con l'arrivo della grande crisi finanziaria abbiamo perso tutto. Fino al 2008, quando nasce Global investment. Eravamo solo noi due, venivamo in ufficio con uno scooter scalcagnato e il nostro portatile”.

Oggi Matteo Franceschetti ha 29 anni, e Matteo Mattia Gemignani 28 e sono alla guida di Global investment che controlla diverse società, ha uffici a New York e Londra, e sta valutando un'acquisizione in Romania, una joint venture in India e ha il progetto di espandersi in Messico, Brasile, Cina e Sud Africa. Il fatturato nel 2010 è stato di un milione di euro e per l'anno prossimo si prevede di fare cinque volte meglio. Ma il loro non è l’unico caso di giovani imprenditori di successo in Italia che hanno deciso di dedicarsi alle energie alternative.

L’altro ‘caso’ si chiama Antonino Pizzuto, è un ingegnere meccanico siciliano di 34 anni, laureatosi col massimo dei voti all'Università di Catania, espatriato prima dalla Sicilia al Piemonte, poi dal Piemonte alla Danimarca, dove ha trovato lavoro nel settore dell'energia rinnovabile, ottenendo un contratto in una delle aziende leader a livello mondiale.

Arrivato in Danimarca, la vita di Antonino e della sua famiglia è radicalmente cambiata: rimpiange il sole della sua Sicilia, ma la qualità della vita e del lavoro danesi lo ripagano di tutti i sacrifici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il