BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fiat in Italia: progetti e investimenti. Stipendi più alti come in Germania

L'ad Marchionne sui progetti futuri



Si presenta in veste impeccabile l’ad Fiat, Sergio Marchionne, per la sua audizione in Parlamento in cui illustra progetti e obiettivi della nuova Fiat. Innanzitutto si precisa che la Fiat scommette sull’Italia, ma ‘avrà anche più teste nel mondo’, anche se la decisione sulla sede legale, Torino o Detroit, non è stata ancora presa.

La scelta dipenderà dalla capacità di accedere ai mercati finanziari per un business che richiede grandi investimenti e ingenti capitali, e dal fatto se l’Italia si rivelerà o meno un ambiente favorevole allo sviluppo del settore manifatturiero e quindi del progetto Fabbrica Italia.

“Se riusciamo a portare l'utilizzo degli impianti dall'attuale 40% all'80%, siamo pronti ad aumentare i salari portandoli ai livelli della Germania. E anche al passo successivo, che è la partecipazione dei lavoratori agli utili d'azienda. Mirafiori è l'emblema della tradizione industriale del Paese, mentre il progetto con Chrysler è unico. E' un progetto che darà la possibilità di diventare uno stabilimento internazionale”.

Su Cassino e Melfi dice che non è necessario un intervento immediato. Per quanto riguarda i progetti del futuro: “Quest'anno presenteremo 7 nuovi prodotti”. Inoltre, “L'obiettivo di Fabbrica Italia è di incrementare gradualmente i volumi di produzione di autovetture nei nostri impianti italiani, arrivando nel 2014 a raggiungere 1.400.000 unità, più del doppio rispetto alle 650.000 prodotte nel 2009.

L'aumento è ancora più significativo se lo confrontiamo con un anno disastroso come il 2010, quando siamo arrivati ad appena 561.000 vetture. A questo va aggiunta la produzione di veicoli commerciali leggeri, che si pone di raggiungere le 250.000 unità annue, rispetto alle 150.000 del 2009 e alle 190.000 del 2010. Complessivamente, dunque, il piano di Fabbrica Italia dovrebbe raggiungere nel nostro Paese la produzione di 1.650.000 veicoli nel 2014”. Altre novità riguardano la Nuova Panda, che sarà lanciata alla fine del 2011.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il