BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus energia elettrica 2011: regole e condizioni per fare richiesta

Come ottenere il bonus elettricità 2011



Prevede uno sconto del 20% sulla bolletta dei meno abbienti, secondo le stime dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas. E’ il bonus energia elettrica 2011, che prevede anche detrazioni previste dalla legge di stabilità 2011 per gli interventi nelle abitazioni orientati al risparmio energetico.

Per quanto riguarda il bonus elettricità, a partire dal primo gennaio 2011 l’Autorità ha aggiornato le tariffe e ricordato che i bonus erogati, compreso quello per il gas, che è cumulabile con lo sconto sulla bolletta elettrica, riguardano 2,4 milioni di famiglie. I risparmi previsti, secondo le previsioni, oscillano fra i 56 euro annui per nuclei familiari di 1-2 persone ai 72 euro per nuclei da 3-4 persone.

Lo sconto sale invece a 124 euro per famiglie ancora più numerose. Per quanto riguarda, invece, le agevolazioni fiscali del 55% al consumatore che utilizza un impianto solare termodinamico per la produzione combinata di energia elettrica e termica, il beneficio riguarderà solo la quota di energia termica prodotta. Secondo l’Enea i sistemi termodinamici a concentrazione solare, che utilizzano il sole per produrre energia termica sono assimilabili agli impianti solari.

Per ottenere il beneficio fiscale introdotto dalla legge Finanziaria del 2007 ed esteso a tutto il 2011, occorre distinguere i sistemi utilizzati per la sola produzione di acqua calda, cui è riservato il beneficio, da quelli per la produzione combinata di energia elettrica e termica, per cui la detrazione è accordata solo con riferimento agli usi termici.

L’Agenzia, infine, ricorda che la legge di stabilità per il 2011, oltre a prorogare il bonus per le spese sostenute nell’anno in corso, ha stabilito che la detrazione deve essere ripartita in dieci quote costanti di pari importo, anziché in cinque come previsto per le spese degli anni 2009 e 2010.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il