BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Eni, Enel, Finmeccanica 2011: nomine nuovi amministratori delegati

I nuovi ad delle grandi società: le nomine



Nei prossimi giorni il governo italiano sarà chiamato a decidere le nomine alla guida di 47 imprese di Stato o parastatali. Le nomine vengono fatte ogni tre anni e includono la presidenza di alcune delle più grandi aziende del nostro Paese, come Eni, Enel, Finmeccanica.

"Se Berlusconi è ancora forte, ci saranno piccoli cambiamenti, dice un anonimo banchiere milanese al Finanzia Times, “se è debole ci sarà un rimpasto di poltrone, possibilmente a vantaggio del partito di Bossi, che da tempo chiede di essere meglio rappresentato nel mondo degli affari”.

Secondo molte ipotesi, infatti, sembra che le nomine dei nuovi ad siano strettamente legate all’andamento della politica italiana, o meglio agli scandali che vedono coinvolto il presidente del Consiglio e contribuiscono a far cadere sempre più l’immagine dell’Italia.

Secondo una fonte governativa, sempre citata dal quotidiano finanziario europeo, le nomine non indicheranno necessariamente la forza o la debolezza del premier, ma saranno semplicemente ‘le ultime spoglie’ del suo potere distribuite prima di elezioni anticipate che fra qualche mese potrebbero aprire nuovi scenari e cambiare tutto.

Sempre il Financial Times prevede che Paolo Scaroni e Fulvio Conti possano ottenere ciascuno un terzo mandato al comando di Eni ed Enel, mentre Pierfrancesco Guadagnini potrebbe conservare il posto di presidente ma essere affiancato da un amministratore delegato più vicino alla Lega.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il