Mutui per precari 2011 con il fondo casa

Come funziona il nuovo fondo casa e chi può accedervi



Dal prossimo mese di marzo chi vorrà richiedere un mutuo ma è in condizioni di lavoro precario potrà rivolgersi al nuovo fondo casa che facilita l'accesso al credito anche per quella coloro che altrimenti difficilmente potrebbero averlo.

Si tratta di una misura importante considerando che, secondo l'ultimo rapporto Nomisma sulla condizione abitativa in Italia, il 7% delle famiglie con un mutuo acceso ha un capofamiglia in condizioni di lavoro precarie o in cassa integrazione.

Secondo i dati dell'Osservatorio, basati sulle richieste di mutuo inoltrate negli ultimi sei mesi alla divisione confronto mutui casa di Supermoney, solo un mutuo ogni venti è stato richiesto da una persona con contratto di lavoro non a tempo indeterminato.

Nel 4% dei casi si tratta di utenti con un contratto di lavoro a tempo determinato, a cui sommare il 2% di utenti con un contratto di lavoro atipico. I lavoratori atipici e con contratti a tempo determinato che attivano un mutuo sono ancora una piccola percentuale nel mercato e per questo motivo diversi istituti di credito realizzano prodotti rivolti a questa clientela.

Tra le principali banche figuramo Monte dei Paschi, Intesa San Paolo e ByYou, che propongono mutui pensati proprio per precari e giovani. Il fondo di garanzia rientra nell'ambito del progetto Diritto al Futuro e facilita l’accesso al credito per le coppie under 35 di lavoratori atipici fornendo una garanzia alle banche sui mutui erogati ai giovani. Il Fondo casa garantirà una copertura di 75mila euro agli istituti di credito in caso di insolvenza del sottoscrittore.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il