BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi benzina marzo 2011 più alti da record: quanto conta rivolta in Libia?

Prezzi dei carburanti alle stelle: la situazione



Prezzi della benzina alle stelle: il costo della benzina è, infatti, aumentato a febbraio dello 0,8% su base mensile, con una crescita annua dell'11,8% ed è salito anche il gasolio per riscaldamento (+1,8% su mese e +17,2% sull'anno).

L’inflazione segna nel nostro Paese il record degli ultimi 26 mesi, un livello più alto (2,7%) è stato toccato nel novembre 2008 e sul dato hanno pesato gli aumenti dei beni alimentari e dei carburanti, entrambi esposti dallo scorso autunno al rally delle commodity e della speculazione internazionale.

L'impatto si è sentito soprattutto sui prezzi di benzina (+11,8% su base annua) e gasolio (+18% per i mezzi di trasporto, +17,2% per il riscaldamento) e quindi sui trasporti pubblici, mentre i beni alimentari, storicamente stabili, sono schizzati del 2%. La febbre però divampa nell'intera Eurozona: a febbraio la crescita dei prezzi al consumo su base annua ha raggiunto il 2,4% secondo la stima preliminare di ieri di Eurostat, un decimale in più rispetto al mese precedente.

Per Confesercenti senza il determinante peso dei beni energetici, l'inflazione si sarebbe attestata su un più tranquillizzante 1,8%. “Sono state le esplosive tensioni nel Nord Africa a spingere un'inflazione che, in un momento ancora difficile per l'economia italiana, non avrebbe avuto motivo per rialzarsi. In media i beni energetici aumentano anno su anno di circa il 10% e di conseguenza ci sono le ricadute a cascata sugli altri comparti, soprattutto sul capitolo trasporti con un consistente +5,3%”.

Ma la corsa dei prezzi dei carburanti non accenna a rallentare e, spinti da ciò che sta accadendo in Libia, i prezzi al consumatore di benzina e gasolio sono aumentati ancora. A trainare l'aumento è stata Eni, che secondo i dati di Quotidiano Energia ha deciso un rincaro di 2 centesimi di euro su entrambi i prodotti. Analoghi poi gli incrementi registrati da Shell, Tamoil e TotalErg, mentre IP ha aumentato di 2 centesimi il diesel e di 2,2 centesimi la benzina.

I prezzi, dunque, sono ora allineati praticamente per tutti a quota 1,54 euro/litro per la benzina e a 1,43 euro/litro per il gasolio e le rivoluzioni in atto nel Nord Africa continuano a spingere il prezzo del petrolio, che ha guadagnano ancora il 2% sui mercati asiatici arrivando a sfiorare quota 100 dollari al barile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il