BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Auto ecologiche ed ibride al salone di Ginevra 2011

Le proposte eco a Ginevra 2011



Il Salone di Ginevra 2011, che ha aperto i battenti lo scorso 3 marzo, è quest’anno all’insegna della filosofia eco e tante sono le nuovissime proposte eco sulle quattro ruote.

Si parte dalle novità della francese Peugeot che ha presentato la 908 Hybrid4, auto da corsa in versione ibrida-diesel, che mira decisamente al rispetto ambientale, capace di coniugare sensazioni di guida esaltanti e prestazioni ambientali di primo livello.

Il sistema Hybrid4 della Peugeot 908 offre un guadagno di potenza di 80 cv al motore 3.7 V8 HDi FAP da 550 cv, l’energia immagazzinata (500 kJ tra due frenate) viene successivamente trasferita alle ruote posteriori durante le accelerazioni e, inoltre, la 908 Hybrid4 può muoversi anche in modalità totalmente elettrica.

Prodotta in soli 300 esemplari la nuovissima Peugeot 3008 Hybrid 4, prima full hybrid diesel al mondo che sarà proposta in Italia al prezzo di 41.000 euro e che si distingue per i gruppi ottici neri dotati di elementi cromati, per la verniciatura madreperlata e le maniglie apri-porta anche queste cromate.

La 3008 Hybrid4 è la prima auto ibrida diesel del mondo, è dotata di sistema di propulsione Hybrid4 che comprende quattro modalità di guida: Auto, ZEV, 4WD e Sport e, tra le altre tecnologie, troviamo un sistema di recupero dell’energia cinetica in frenata, dispositivo Start&Stop e batterie al nichel-metallo idruro. La versione speciale della Peugeot 3008 Hybrid 4 dispone di un motore diesel 2.0 da 163 cv, collegato alle ruote anteriori, mentre le ruote posteriori sono spinte da un motore elettrico da 37 cv che porta la potenza complessiva della vettura a 200 cv con trazione integrale.

Renault, invece, porta in scena la Twizy, city car elettrica 100% a due posti, che sarà lanciata in Italia all'inizio del 2012 al prezzo di appena 6.990 euro. Con Twizy, il conducente potrà ridurre del 25% il tempo medio degli spostamenti in città, perché ovviamente si sposta più rapidamente in città, garantendo sempre la massima sicurezza.

La sua carrozzeria è, infatti, costituita da una struttura deformabile che permette, in caso di urto frontale, di assorbire l’energia dell’impatto, proteggendo gli occupanti. Inoltre, è equipaggiata di serie con airbag conducente e cinture di sicurezza a 4 punti di ancoraggio sul sedile anteriore, e a 3 punti di ancoraggio su quello posteriore; ha 4 freni a disco che garantiscono una frenata efficace e resistente, e dispone di un sistema antifurto di antiavviamento codificato e di blocco del piantone dello sterzo.

Le altre proposte eco firmate Renault sono Kangoo Express ZE e Kangoo Express Maxi ZE, veicoli per merci (2 persone + 4,6 metri cubi di volume utile) e per trasporto persone (5 posti); la berlina Fluence ZE e la compatta del segmento B Zoe, che garantiranno un’autonomia fino a 200 km, possibilità di recupero dell'energia in frenata, funzione Eco Mode nel sistema di gestione, del computer di bordo che indica l'autonomia residua in km, il consumo medio e istantaneo (in kWh) e la quantità di kWh residui e dell'Econometro che indica con tre iconei d'immediata comprensione (ridotto/normale/elevato) il consumo energetico.

Cinque, invece, i veicoli elettrici he Ford vuole lanciare sul mercato europeo entro il 2013, tra cui il Transit Connect Electric per la fine di quest'anno, Focus Electric, C-Max Hybrid, C-Max Energi (Plug-in Hybrid) e un altro ibrido entro il 2013.

Non mancano Toyota, che presenta la Yaris HSD, auto ibrida dal design rinnovato, disponibile solo con carrozzeria bianca; per gli amanti del lusso ci sono la Rolls-Royce Phantom 102EX Experimental Vehicle, auto elettrica con autonomia dichiarata di circa 200 km, e la Porsche Panamera S Hybrid, che abbina un propulsore 3.0 V6 sovralimentato da 335 cv ad un motore elettrico da 50 cv; mentre la nuova Land Rover Range_e si presenta come la versione ibrida della Range Rover Sport, con motore 3.0 V6 in parallelo ad un propulsore elettrico che emette appena 89 g/km di CO2.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il