BusinessOnline - Il portale per i decision maker








iPad 2 in azienda: vantaggi e problemi

La tavoletta magica di Apple presto in azienda?



L'iPad 2 è oggetto del desiderio di tutti, appassionati e lavoratori, un prodotto interessante per aziende e responsabili IT, molti manager lo stanno già provando per verificare le potenzialità di integrazione e l'utilità nel processo produttivo.

Tutti i dipendenti vogliono l'iPad in azienda ma non sempre Apple fornisce supporti per il processo di integrazione e gestione dei nuovi strumenti di lavoro. Steve Jobs nella sua presentazione ha esaltato le caratteristiche della seconda generazione della tavoletta magica della società di Cupertino, dal peso ridotto, alle dimensioni sottili, alla doppia webcam, al nuovo processore veloce dell'iPad 2, ma non ha fatto riferimento alle caratteristiche di iOS 4.3 che potrebbero essere sfruttate a livello professionale.

In realtà, l’iPad 2 è nato per il settore consumer ma si vuole insinuare nelle aziende spinto dalle richieste dei dipendenti e dei dirigenti, che pretendono di svolgere le attività d'ufficio con la stessa facilità d'uso e con gli stessi strumenti che hanno a disposizione nel tempo libero.

Non è ancora chiaro, infatti, come possano essere inseriti gli iPad nei sistemi informativi aziendali, come si possano integrare con gli applicativi aziendali e come condividere le informazioni l'equipaggiamento IT esistente. Tuttavia, gli analisti ritengono che se ci deve essere un'integrazione del tablet di Apple nelle aziende deve essere Apple stessa a fornire un supporto adeguato e non i rivenditori non qualificati.

Apple, dal canto suo, magari non darà supporto adesso, ma lo farà a breve considerando anche quanto detto da Steve Jobs durante la conferenza di presentazione sull’uso del tablet pc in diversi lavori, ospedali compresi. Secondo una statistica, due aziende su tre useranno tablet pc per dipendenti entro il 2013. Staremo a vedere come evolverà il mercato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il