BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rivolta in Libia: Gheddafi in fuga in aereo verso Cairo, Vienna o Atene. O ambasciatore

Tre aerei in volo dalla Libia a Vienna, Atene e Il Cairo. Gheddafi in fuga?



Tre aerei libici di Gheddafi sono partiti dall'aeroporto di Tripoli e appena partita l’indiscrezione si è pensato ad una fuga da parte del colonnello. I tre aerei sono diretti a Vienna, Atene e Il Cairo. Su quello in volo verso l'Egitto ci sarebbe invece un emissario di Gheddafi, il colonnello Muammar Gheddafi è atterrato al Cairo.

Secondo alcune fonti, a bordo ci sarebbe anche il generale Abdel Rahman Ben Ali El Said Al Sawi, responsabile delle forniture militari, che porta con sé un messaggio del colonnello libico al capo del consiglio supremo delle forze armate egiziano, Hussein Tantawi.

A bordo del Falcon 900 del leader libico Muammar Gheddafi entrato questa mattina nello spazio aereo greco per poi dirigersi in Egitto dove è atterrato, vi sarebbero state due persone di cui non è stata comunicata l'identità da parte del pilota. L'aereo proveniente dalla Libia, indicano fonti governative, ha chiesto alle 11:23 di entrare nello spazio aereo a sudovest di Creta dando come destinazione finale Il Cairo.

Nove minuti dopo, si è diretto in Egitto. Ieri Gheddafi aveva telefonato al premier Giorgio Papandreou avvertendo che un attacco militare contro la Libia avrebbe conseguenze per la sicurezza della regione e dell'Europa.

Il capo di governo greco gli aveva a sua volta ricordato la recente risoluzione dell'Onu che impone sanzioni a Tripoli invitandolo a trovare una soluzione per porre fine alle violenze. Gheddafi ha accusato gli occidentali, in particolare la Francia, di far parte di un ‘complotto colonialista’ contro il suo Paese.

Sulle posizioni dei Paesi occidentali, e in particolare della Francia, che hanno dato il loro sostegno agli insorti, Gheddafi ha detto: “Vogliono colonizzare la Libia di nuovo. E' un complotto colonialista” e  quando il giornalista che lo intervistava gli ha chiesto se prevede di adottare misure di rappresaglia contro la Francia, il leader libico si è limitato a rispondere “si vedrà”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il