BusinessOnline - Il portale per i decision maker








IT 2010-2011 in Italia previsioni Assinform. Informatica bene, male telecomunicazioni

Il lento cammino del settore IT in Italia. I dati



Ancora lento l’andamento dell’Italia nel mondo dell’IT. Mentre gli altri Paese si impegnano e si affannano in un continuo processo di scalata verso l’innovazione e la tecnologia, lil nostro Paese resta ancora indietro.

Assinform, l'associazione di settore, ha evidenziato un divario tra il ritmo italiano e quello mondiale: se includendo le tlc il settore Ict in Italia è sceso lo scorso anno del 2,5% a 60,23 miliardi di euro, a livello globale l'aumento è stato +4,9% (informatica +49%, tlc +5,1%) e anche la Ue ha segno positivo.

Particolarmente negativo l’andamento dello scorso anno delle telecomunicazioni. La lenta ripresa dell’IT italiano prevede una crescita dell’1,3% solo nel 2011. L’IT crescerà più del Pil e a trainare il settore saranno soprattutto il mercato Pc e il boom di smartphone e tablet.

Assinform fotografa, dunque, una forte diffusione di tecnologie: con una crescita del 2,8% fatturato hardware, dello 0,6% per il software middleware; il mercato Pc crescerà del 15,7%, mentre i tablet venduti saranno 428.000 e gli smartphone 4 milioni.

Crescono anche gli accessi a banda larga del 6,9%, portando le famiglie connesse a banda larga a poco meno della metà: 49% sul totale. Secondo Assinform viè, comunque, un clima di fiducia da parte delle imprese IT: il fatturato risulta in miglioramento per il 65,2% delle aziende, contro il 47,3% di novembre 2010 e gli ordini sono dichiarati in crescita dal 61% del campione (45,4% di novembre 2010).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il