BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Centrale nucleare Giappone Fukushima: radiazioni troppo alte, elicotteri bloccati. Alternative

Continua la corsa contro il tempo dei tecnici che cercano di riprendere il controllo sulla di Fukushima



Continua la corsa contro il tempo dei tecnici che stanno cercando di riprendere il controllo sulla centrale nucleare di Fukushima per evitare la catastrofe. Nel frattempo, continua la preoccupazione per le continue scosse di terremoto che si avvertono ancora nel paese e soprattutto a Tokyo, città ‘mascherata’, per paura di ciò che si respira.

Qualcuno ha definito la situazione ‘Un incubo a rallentatore’ e cresce anche il timore per i prodotti importanti dal Giappone, proprio a causa delle radiazioni che avrebbero potuto contaminare i prodotti, come il thè verde. Intanto la situazione alla centrale di Fukushima non accenna a stabilizzarsi, tutt’altro.

I livelli di radioattività si sono all’improvviso impennati, in momenti clou si è arrivati a registrare livelli anche 1000 volte superiori alla norma. Il governo giapponese continua però a tranquillizzare la popolazione assicurando che oltre i 20-30 km dalla centrale non c'è un immediato rischio per la salute.

Per scongiurare il rischio di un disastro come Chernobyl il governo giapponese ha chiesto aiuto all'esercito Usa, ma nel paese continua la corsa contro il tempo per arginare danni e fuoriuscite di radioattività che le esplosioni dei reattori prima e gli incendi alla centrale poi hanno procurato.

L'Autorità per la sicurezza nucleare e industriale (Nisa) e il governo giapponese assicurano che la funzione di contenimento dei quattro reattori (1, 2, 3 e 4) non è stata pregiudicata e i contenitori primari sono integri. Intanto sono stati però richiamati gli elicotteri delle Forze di autodifesa dell' esercito giapponese che si erano levati in volo per versare dall' alto acqua sui reattori della centrale nucleare di Fukushima.

Dopo qualche ora, infatti, le loro operazioni sono state sospese a causa delle forti radiazioni, senza essere riusciti a riversare sulla centrale il carico. A Tokyo, minacciata dalla nube nucleare che potrebbe levarsi dalla centrale, a 240 chilometri di distanza, le strade sono vuote e molti negozi chiusi. L'Ambasciata francese ha annunciato l'inizio dell' evacuazioni dei connazionali dalla capitale, molte multinazionali hanno spostato i loro uffici a sud.

Anche il governo italiana invita i propri connazionale a lasciare il paese se non è strettamente necessario rimanere lì e ha annunciato che i voli Alitalia sono concentrati per ragioni tecniche sullo scalo internazionale di Osaka e che chi vorrà tornare in Italia potrà usufruire della possibilità di acquistare biglietti di sola andata senza prenotazione, con una speciale tariffa agevolata istituita per l'occasione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il