BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Huawei: servizi per le aziende italiane nel 2011. Sfida a Ibm, Hp e Cisco

I cinesi sfidano i grandi come Cisco, Ibm e Hp: le nuove soluzioni



I cinesi sfidano i grandi come Cisco, Ibm e Hp offrendo nuove soluzioni innovative. Nei giorni scorsi, infatti, Huawei ha presentato novità prensate per agli operatori telco del gruppo Carrier, al mercato Consumer, fra telefonini, tablet e altri dispositivi, e per l’Enterprise.

Sarà proprio in questo settore che si concentreranno i maggiori sforzi di Huawei per le imprese italiane, per offrire soluzioni di maggiore sicurezza e Unified Communication e Collaboration e dei servizi di videoconferenza e telepresence. Per realizzare questi nuovi piani di lavoro, la società cinese lavorerà in collaborazione con partner come operatori telco (funzionali a portare alle imprese anche servizi di cloud computing), system integrator italiani ed internazionali e distributori su base nazionale.

Roberto Loiola, Vice President Western Europe di Huawei, spiega: “Siamo convinti di poter coniugare perfettamente la nostra lunga esperienza nel settore delle infrastrutture di rete con le esigenze di un mercato aziendale in continua evoluzione. Huawei ha deciso di investire fortemente, sia in risorse umane sia nel marketing e ci aspettiamo di poter presto rappresentare una solida realtà e di posizionarci tra i principali player di settore”.

Così l’azienda cinese, mossa d una profonda ambizione, si propone di raggiungere numeri elevati e obiettivi concreti. Già nel 2010, Huawei ha spedito in tutto il mondo oltre 120 milioni di dispositivi fra telefonini (il %% dei terminali Android venduti nel 2010 sono stati prodotti dalla casa cinese), chiavette per il collegamento a Internet via rete mobile e altri prodotti raggiungendo un incremento del 30% in volumi rispetto al 2009 e consolidando un giro d'affari di oltre 4,5 miliardi di dollari.

Ora si profila una nuova scommessa da vincere, a partire dallo sviluppo del business di impostazione cinese in Europa e negli Usa e consolidare quanto già fatto l'anno passato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il