BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Centrale nucleare Giappone: notizie ultima ora 19 marzo. Contaminata acqua e verdura

Acqua, latte e verdure contaminate. Controlli e situazione in Giappone



Sembra un incubo senza fine. Dopo la paura contaminazione dell'aria ora il timore radioattività si sposta anche sul cibo. Mentre nei paesi europei, Italia compresa, sono stati avviati controlli delle importazioni di cibo proveniente da Giappone, il paese del Sol Levante deve fare i conti con tracce radioattive riscontrate nel latte e nell'acqua.

Tracce di iodio radioattivo sono state infatti trovate nell'acqua che esce dai rubinetti delle città nei pressi di Fukushima e a Tokyo. Sono state le fonti governative a confermare la presenza di tracce di iodio radioattivo trovate nei rubinetti dell'acqua di Tokyo e in altre località del Giappone.

Livelli anormali di iodio radioattivo sono stati rinvenuti anche nell'approvvigionamento idrico nelle prefetture di Gunma, Tochigi, Saitama, Chiba e Niigata. I livelli sono comunque di gran lunga inferiori al limite legale del Giappone, chiarendo che per il momento non esiste alcuna minaccia immediata per l'uomo.

Tracce di radiazioni sono state riscontrate anche negli spinaci coltivati nei pressi della centrale nucleare di Fukushima ed è paura contaminazione anche per il pesce. I rivenditori continuano a proporlo per la commercializzazione ma i timori bloccano le vendite e la pura radiazioni durerà almeno per un decennio.

Nel frattempo, nell’area della centrale nucleare di Fukushima il livello di radioattività rilevato nell'aria è stabile ma significativamente più elevato del normale. A riferirlo è stata l'Aiea, l'agenzia Onu per l'energia atomica.

Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il