BusinessOnline - Il portale per i decision maker








New York Times a pagamento: strategie nuovo modello di business

Si parte dal Canada: NYT online a pagamento dal 28 marzo



A partire dal prossimo 28 marzo, per poter consultare il New York Times online bisognerà pagare e così sull’esempio di altre autorevoli testate online, come il Financial Times, anche l'edizione digitale del quotidiano introdurrà un sistema di abbonamenti entro la fine del mese.

L’annuncio è arrivato da Arthur Ochs Sulzberger Jr. che ha spiegato come il New York Times passerà prima in Canada e poi negli Stati Uniti a pagamento. Per quanto riguarda i prezzi in abbonamento mensile, questi varieranno a seconda delle modalità scelte e oscilleranno fra i 15 e i 35 dollari.

Per l’accesso illimitato da qualsiasi computer, notebook, smartphone, tablet e cellulare bisognerà pagare 35 dollari per 4 settimane (dunque meno di un mese), mentre 15 dollari è il prezzo per nytimes.com attraverso l’applicazione per smartphone e invece sito+app per tablet costa 20 dollari.

Chi accede da smartphone e tablet avrà comunque la possibilità di leggere sempre gratis gli articoli pubblicati nella sezione Top News. Gli abbonati alla versione cartacea e all’International Herald Tribune potranno accedere alla testata online gratis.

La novità dei pagamenti introdotti dal NYT online non fa che continuare sulla scia di altre testate che hanno deciso di focalizzarsi su questa nuova strategia di business. L’unica cosa che resta da capire è quanto questa strategia possa effettivamente produrre dei frutti. I risultati, per il momento, non sembrano molto entusiasmanti.

In Italia il tentativo di seguire questo modello di abbonamento online è stato fatto dal Sole24Ore, che qualche mese fa aveva iniziato a far pagare l"accesso tramite abbonamento una volta superato un determinato numero di articoli. Ben presto, il pagamento dell’abbonamento si è trasformato in una vera e propria richiesta di registrazione obbligatoria, giacchè la testata aveva perso moltissimi lettori e quote di pubblicità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il