BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Centrale nucleare Giappone 2011: fumo radioattivo esce. Paura per contaminazione

Cresce la paura nucleare in Giappone. La situazione



Dalla centrale nucleare di Fukushima, ormai del tutto danneggiata, fuoriescono fumi e vapori da due dei reattori. La più grave crisi nucleare mondiale da 25 anni a questa parte, in corso a 240 km a nord di Tokyo, è stata provocata l'11 marzo da un fortissimo terremoto seguito da un tremendo maremoto.

I tecnici al lavoro all'interno della zona di evacuazione attorno all'impianto, che si trova sulla costa del Pacifico, nel nord-est del Giappone, sono riusciti a riconnettere i cavi elettrici di tutti e sei i reattori e in uno di essi sono riusciti ad avviare una pompa di raffreddamento per bloccare il surriscaldamento delle barre di combustibile nucleare.

Ma l'agenzia di stampa Kyodo ha comunicato che dal reattore numero 2 ha iniziato ad uscire fumo. Stesso discorso per il reattore numero 3. L'operatore della centrale, Tokyo Electric Power Co (Tepco), ha detto che il fumo è diventato vapore e che ci sono le condizioni di sicurezza per lavorare.

Ma la presenza di tracce di radioattività in verdure, acqua e latte crea timore sia nel popolo giapponese sia nei paesi importatori di alimenti dal Giappone. Inoltre, la popolazione è stata invitata a non bere acqua del rubinetto in quanto anche in essa sono state riscontrate tracce di radioattività e ha proibito la vendita di latte.

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ritiene che l'impatto delle radiazioni sia più grave di quanto si pensasse in un primo momento, quando si riteneva che fosse limitato a 20-30 km dalla centrale.

Tracce di radioattività sono state riscontrate anche nel mare di Fukushima, nei pressi della centrale. Inoltre, la Tepco, società di gestione dell'impianto nucleare giapponese, ha comunicato che il livello di radioattività è aumentato notevolmente dopo due giorni di pioggia nell'area vicina alla centrale ma non è tali da rappresentare una minaccia per la salute umana.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il