BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Guerra in Libia 2011: le ultime notizie del 22-23 Marzo. Gheddafi non cede. La situazione

Gheddafi non cede mentre i bombardamenti sulla Libia continuano



Gheddafi non cede. I bombardamenti sulla Libia continuano ma la guerra non lo piega e per rispondere agli attacchi della coalizione, ieri sera è apparso dalla sua residenza-caserma di Bab el Aziziya a Tripoli, tra le macerie a seguito dei bombardamenti, e dinanzi ad una folla di sostenitori, ha promesso una vittoria finale sulle forze della coalizione, sollecitando gli eserciti islamici a schierarsi al suo fianco perchè c'è in corso ‘una nuova crociata scatenata contro l'Islam’.

La Libia, ha detto, “è pronta per la battaglia, che sia breve o lunga e alla fine vinceremo noi. Queste bombe mi fanno ridere. Niente mi fa paura, nessun tiranno mi può spaventare. Questi attacchi sono compiuti da una manica di nazisti che finiranno nella spazzatura della storia. La miglior difesa antiaerea è il popolo e Gheddafi è in mezzo al popolo.

Ci sono manifestazioni dovunque contro questo attacco non giustificato che viola la Carta dell'Onu”. Mentre anche la Francia ha appoggiato la proposta di affidare la missione alla Nato, come l’Italia aveva proposto, mentre le potenze occidentali costringono a terra gli aerei da guerra del Rais e tengono lontano le sue forze da Bengasi, i ribelli disorganizzati non sono stati in grado di snodare le forze di Gheddafi da Ajdabiyah nella zona orientale, mentre i carri armati del governo stanno assediando Misurata, ultima grossa città in mano ai ribelli.

Nel frattempo, ieri gli aerei della coalizione hanno bombardato il porto di Tripoli, radendolo quasi al suolo. Il governo libico, dal suo canto, ha negato che il suo esercito stia conducendo operazioni offensive, sostenendo che i soldati si stanno solo difendendo dagli attacchi, ma ribelli e residenti hanno riferito che i carri armati di Gheddafi hanno colpito a Misurata, uccidendo 40 persone solo lunedì scorso, e attaccando Zintan, cittadina al confine con la Tunisia.

Gli aerei occidentali hanno effettuato oltre 300 uscite sulla Libia e oltre 162 missili cruise Tomahawk sono stati sparati nella missione su mandato Onu per proteggere i civili libici dalle truppe governative. Intanto, sono stati rilasciati a Tripoli i tre giornalisti occidentali arrestati sabato ad Agedabia, nell'est, dalle forze di Muammar Gheddafi.

I tre, Dave Clark e Robert Schmidt dell'Afp e Joe Radler, fotografo della Getty Images, sono arrivati in nottata all'Hotel Rixos, l'albergo che ospita gli inviati stranieri. Il regime aveva preannunciato la loro liberazione dicendo che l'ordine era stato dato direttamente da Gheddafi. .

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il